Sperone, la protesta dei lavoratori socialmente utili

lavoratori socialmente utili Marco Alaia sindaco Sperone Cavalcavia

Protesta al comune di Sperone, sul piede di guerra i Lavoratori Socialmente Utili per la mancata proroga del servizio per l'anno 2018. La risposta del sindaco Alaia

SPERONE. Protesta al comune di Sperone, sul piede di guerra i Lavoratori Socialmente Utili che lamenterebbero la mancata  proroga del servizio per tutto l’anno 2018 così come previsto dal decreto nazionale approvato con la Legge di Stabilità.

 

I fatti

 

Alla fine del 2017, il Comune di Sperone non ha rinnovato la convenzione ai tre lavoratori Lsu, facendo rischiare loro di non poter usufruire dei benefici che la regione Campania mette a disposizione della categoria. Al via questa mattina la protesta, secondo alcune notizie circolate sui social, i lavoratori avrebbero  occupato la sala consiliare per protesta chiedendo l’esibizione della delibera di giunta comunale con la quale l’amministrazione avrebbe dovuto rinnovare loro il rapporto di collaborazione. Come riportato dalla testata online BassaIrpinia, il sindaco di Sperone Marco Alaia, avrebbe confermato che la questione è stata risolta nella scorsa giunta comunale con delibera già pubblicata sull’albo pretorio. Stando a quanto dichiarato dal primo cittadino, i tre lavoratori socialmente utili,  dovrebbero ritornare presto al loro posto.

TAG