Cronaca

Sciopero in carcere, non cessa l’agitazione ad Ariano Irpino

Sciopero in carcere, la mancanza di personale e la disorganizzazione nel carcere di Ariano Irpino continuano a farsi sentire.

Sciopero in carcere, l’astensione dalla mensa continua

Prosegue presso la casa circondariale di Ariano Irpino lo stato di agitazione e l’astensione dalla mensa obbligatoria di servizio. La protesta dell’Osapp e del Sappe, stanche dei gravi trascorsi, è appoggiata anche da altre sigle sindacali.

Mancano agenti di polizia penitenziaria, personale amministrativo e operatori sociali. Il personale in servizio sarebbe, inoltre, sottoposto a turni massacranti, senza ricevere neanche il pagamento dello straordinario . E come se non bastasse, manca il nucleo traduzioni e piantonamento. Tutto questo nonostante l’istituto penitenziario di via Cardito abbia raddoppiato la capienza di detenuti.

Il segretario provinciale dell’Osapp, Ettore Sommariva, sostiene:

Di tutto questo non solo sono stati informati gli organi interni superiori, ma anche la Prefettura di Avellino affinché possa esserci qualche immediato confronto e si possa imprimere una svolta nella questione. In considerazione dell’ampliamento dell’istituto e dell’apertura del nuovo reparto detentivo e del raddoppio della popolazione detenuta, si avverte l’opportunità di istituire il nucleo traduzioni e piantonamento locali. Oggi, invece, per questo servizio bisogna dipendere dalla struttura carceraria di Avellino, con conseguenze operative negative facilmente intuibili e con disagi per gli stessi colleghi che vengono da Avellino. Tra l’altro , si sconta anche la circostanza negativa della chiusura del Tribunale di Ariano Irpino. Siamo stanchi di subire le aggressioni di detenuti, ma soprattutto di non riuscire a dialogare al meglio con gli organi interni, che pure conoscono bene le problematiche da noi sollevate.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto