Cronaca

Furti in città, oltre alle abitazioni ora rischiano anche le attività commerciali

AVELLINO. Furti in città, nell’ultimo periodo si sono verificati svariati tentativi di furti tra le attività commerciali del centro di Avellino.

Furti in città, i titolari delle attività in centro chiedono più controlli

Nell’ultimo periodo, nel centro di Avellino, sono avvenuti svariati tentativi di furti. I titolari delle diverse attività svaliggiate raccontano:

Siamo abbandonati. Serve maggiore attenzione da parte di tutti. E’ la prima volta che subiamo un furto. In ventidue anni di attività non è mai successo. Il problema fondamentale sono gli scarsi controlli in piazza Garibaldi. E questo è un fatto grave. Siamo in una zona centrale collegata al Corso principale della città. Ciò che chiediamo maggiormente sono i controlli da parte delle forze dell’ordine per tutelare le numerose attività e garantire sicurezza ai commercianti e alla clientela.

Un negozio di abbigliamento è stato derubato per 550 euro e vari capi, mentre un locale della movida non ha trovato gli incassi della sera prima ed alcune bottiglie di vino. I titolari delle attività colpite hanno tempestivamente avverito le forze dell’ordine, le quali hanno iniziato a raccogliere più prove e indizi possibili per identificare i malfattori.

Le cause e la soluzione

Dichiarano i titolari dei negozi svaligiati :

Il grosso problema è che la strada non è videosorvegliata. Da quando hanno chiuso piazza Libertà questa zona è diventata terra di nessuno. Le forze dell’ordine passano di rado. Solo la mattina e il pomeriggio c’è più movimento anche per la presenza della scuola Regina Margherita. Ma la sera la strada diventa deserta. Quando chiudiamo dobbiamo guardarci intorno. Altro problema è la mancanza di illuminazione. In venti anni di attività non si sono mai verificati furti. Vorrei fare un appello al commissario Giuseppe Priolo per l’apertura di quel pezzo della piazza all’incrocio con Corso Vittorio Emanuele come avevano promesso le precedenti amministrazioni.

La soluzione proposta dalle vittime riguarderebbe l’intensificare il monitoraggio del centro storico e il riaprire il tratto di strada di piazza Libertà che collega piazza Garibaldi a via De Sanctis per installare telecamere di videosorveglianza nella zona.

Articoli correlati

Back to top button