Forno crematorio a Sturno, il sindaco fa marcia indietro

Forno crematorio

Il forno crematorio a Sturno non si farà, il sindaco De Leo ha accolto le proteste dei cittadini e domani annullerà ufficialmente il progetto

Forno crematorio a Sturno, il sindaco Di Leo ha ascoltato la popolazione, che alla notizia del progetto si era ribellata arrivando a presidiare la casa del primo cittadino con un picchetto. Lunedì la comunicazione ufficiale dell’abbandono del progetto.

Niente forno crematorio a Sturno, è ufficiale

A poche ore dalla diffusione delle notizia è arrivata la marcia indietro, e per le strade del comune è stato affisso un manifesto per rassicurare i cittadini:

In merito all’ipotesi di realizzazione a Sturno di un impianto di cremazione, si precisa che nessuna autorizzazione è stata rilasciata. Si prende atto di una diffusa preoccupazione della popolazione, registrando con favore la sensibilità civica dimostrata in questa occasione da molti nostri concittadini. L’amministrazione comunale si dichiara contraria alla realizzazione dell’impianto, nonostante i numerosi vantaggi economici che ne sarebbero derivati per la comunità.

Lunedì verrà revocata, ufficialmente, a conferenza dei servizi già programmata per il 5 aprile, in cui si sarebbe dovuto discutere del progetto.

TAG