Cultura ed eventi

I robot e noi, il libro dell’ex ministro Carrozza ad Avellino

AVELLINO. Venerdì 12 gennaio 2018, presso l’Auditorium del Liceo “Imbriani”, ad Avellino, a partire dalle ore 11.15, avrà luogo la presentazione del libro di Maria Chiara Carrozza: “I robot e noi” (Il Mulino, 2017). Parteciperanno delegazioni di studenti del Liceo scientifico “Pasquale Stanislao Mancini” e del Liceo classico “Pietro Colletta”.

Il convegno

 

Dopo i saluti della dirigente scolastica del Liceo “Imbriani”, Stella Naddeo, ne discuteranno con l’autrice Giuseppe Bruno presidente Confindustria Avellino, William Garofalo studente Liceo scientifico “Mancini”, Ida Grella Consorzio universitario irpino.  Presiede e coordina Luigi Fiorentino presidente Centro studi Dorso.

 

L’autrice

 

Maria Chiara Carrozza, già ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, è professore ordinario di Bioingegneria Industriale presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che ha diretto dal 2007 al 2013. È responsabile dell’Area “Neuro-Robotics” dell’Istituto di Biorobotica. Autrice di numerose pubblicazioni internazionali e detentrice di vari brevetti, è inoltre presidente del Gruppo Nazionale di Bioingegneria e consigliere d’amministrazione di Piaggio. Ha co-fondato la start-up IUVO, che si occupa di tecnologie indossabili per assistenza personale. È deputato del Partito Democratico.

 

Scheda del libro

 

Viviamo in una nuova era robotica. È l’era in cui i robot, una volta solo supporto industriale, escono dalle fabbriche e iniziano ad abitare altri luoghi: l’interno del corpo umano, il mondo sottomarino, lo spazio. È l’era in cui i robot vivono in mezzo a noi, ci aiutano, ci connettono, a volte ci sostituiscono. Soprattutto, i robot, interagendo con noi, ci cambiano e cambiano la nostra società. Il libro di Maria Chiara Carrozza, nato dalle lezioni alla Scuola di Politiche, ci insegna che capire l’evoluzione della robotica è fondamentale per comprendere la sfida culturale e politica della quarta rivoluzione industriale. Intraprendere questo viaggio nella robotica, quindi, significa fare un viaggio nel futuro dell’umanità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button