Politica

Monteforte, 200mila euro per il progetto Sfida: la soddisfazione di Meli

MONTEFORTE IRPINO.  Con il finanziamento da parte della Regione Campania della seconda tranche delle proposte progettuali, il Comune di Monteforte Irpino è rientrato ufficialmente tra i comuni beneficiari del finanziamento regionale ottenendo ben 200.000,00 euro. Grazie al progetto Sfida (Supporto e Fiducia alle Donne per andare Avanti), inoltrato in Regione il 4 luglio 2016, Monteforte Irpino è tra quei 5/6 comuni della Provincia di Avellino ad aver ottenuto un finanziamento per erogare servizi e interventi sperimentali per conciliare tempi di vita e di lavoro delle donne in età lavorativa residenti in Campania (fatto salvo il caso delle famiglie monoparentali con la sola presenza del padre). Servizi finanziati: #asiloNido, #micronido,#postazioniDiCoworking #Ludoteche. Il Progetto Sfida promosso dal Comune di Monteforte Irpino, in qualità di capofila dell’Ats, si avvale della partnership della Uil e del Piano di Zona A02.

Salvo Meli consigliere delegato del gruppo “Sara bella”, esprime la sua soddisfazione per il progetto Sfida: “Sono soddisfatto del risultato raggiunto e, pur avendo rimesso nelle mani del Sindaco le deleghe in materia di Politiche Giovanili-Pari Opportunità – Diritti Civili per motivazioni politiche, sono entusiasta per il lavoro portato avanti da semplice consigliere delegato e contento che la nostra comunità potrà usufruire dei servizi finanziati dalla Regione Campania. Queste sono le notizie che ripagano di tutto il lavoro fatto, sono la prova di un impegno costante che vi è per la comunità, nonché rappresentano i #fatti che mettono a tacere chi in questi giorni muove la macchina del fango per screditare chi ha avuto il coraggio di prendere una posizione netta circa il modus operandi dell’attuale maggioranza. I fatti restano, le parole vanno via con il vento”. Meli conclude ringraziando il Responsabile dell’Ufficio Welfare e i professionisti che hanno lavorato al progetto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button