Cronaca

Puzzle scuole Avellino: lo scenario futuribile

AVELLINOChi rompe paga ma questa volta i cocci sono di tutti. Piuttosto, sono di tre scuole del capoluogo di Provincia: l’istituto tecnico industriale “Itis-Dorso”, l’istituto alberghiero “Manlio Rossi-Doria” e il liceo classico “Publio Virgilio Marone“.
Il caos scatenato dai sigilli allo scientifico Mancini ha generato un malcontento transgenerazionale. Un corteo fatto di studenti e genitori, figli e insegnati ha dato chiaro segnale di quanto la scelta di interdire la scuola agli studenti sia stata presa negativamente. Tanto peggio è stata accolta l’idea dei doppi turni.

Mentre si teme ancora per la situazione della Solimena – scuola media che è stata ispezionata per sei ore di seguito la scorsa domenica e per cui, secondo i ben informati, i sigilli sarebbero una probabilità quasi certa – oggi un tavolo tecnico in Provincia avrebbe tentato una soluzione.

Alla tesissima seduta, il provveditore provinciale agli studi, Rosa Grano, il suo omologo regionale, Luisa Franzese, i presidi delle scuole più su citate e, con ritardo, la preside del Mancini, Silvana Agnes.
Nella barricata della Provincia, il presidente Gambacorta e il delegato all’istruzione, Girolamo Giaquinto, e l’ingegnere Marro.

 

Esclusa la possibilità di edifici privati per gli “studenti sfollati”

 

Un bando pubblico per trovare un edificio privato per tenere le lezioni richiederebbe troppo tempo.
L’unica possibilità sono i doppi turniUn’alternativa priva di alternative che sarà comunque passata al vaglio dei consigli di classe; potranno scegliere come starci “il meno stretti possibile”. Forse.

 

 

La quarta incognita

 

Insieme alle altre tre scuole, ce ne sarebbe una quarta a cui toccherebbe ospitare gli studenti del Mancini per i doppi turni. Gambacorta, però, se ne guarda bene dall’identificarla: se tante lamentele hanno causato le ipotesi sin ora addotte (l’aspra nota di Cittdinanzattiva ne è un esempio), vale la pena risparmiarsi un altro picchetto di genitori ed insegnati e studenti infuriati.

Inverosimile, grazie ai trasporti pubblici, accettare la mano tesa da altri Comuni dell’hinterland: non è considerabile l’offerta avanzata di altre scuole del comprensorio di ospitare i milleduecento.

 

 

L’inchiesta

 

Il timone di tutto è nelle mani del procuratore Rosario Cantelmo. Intanto venerdì ci sarà il disperato tentativo di far revocare i sigilli al Mancini. Ad ogni costo.

Quotidiani on line chiosano con l’ipotesi di altri edifici sotto la lente degli inquirenti. Nello specifico, Ottopagine rivela che il liceo classico “P.Colletta” di via Tuoro Cappuccini potrebbe seguire la sorte del Mancini.

 

Potrebbe interessarti anche:

 

[Esclusiva] Solimena, futuro incerto ma segnato

 

 

Articoli correlati

Back to top button