Cronaca

Malasanità in Irpinia, il caso di una 71enne morta al Moscati

AVELLINO. Ci sarebbe un nuovo caso di malasanità in Irpinia. La procura ha aperto un fascicolo, dopo la denuncia dei parenti, per la morte di ua 71enne di Rotondi, Bianca Bruno, morta la scorsa settimana presso il nososocomio del Capoluogo, dove era ricoverata dal 24 gennaio.

Malasanità in Irpinia, il caso di una 71enne morta al Moscati

Si tratta di Bianca Bruno, una 71enne di Rotondi, ricoverata al Moscati di Avellino il 24 gennaio per una setticemia.

Dopo una settimana dal ricovero la signora è deceduta.

Il calvario

La signora, a metà novembre, si era recata al Frangipane di Ariano Irpino per sottoporsi ad uno screening oncologico al colon, dopo aver ricevuto la comunicazione dalla Asl, nell’ambito di una campagna di prevenzione.

All’ospedale di Ariano Irpino le era stata diagnosticata una massa tumorale, che i sanitari avevano deciso di rimuovere in tutta fretta.

Nonostante ad una settimana dall’operazione la signora Bruno avvertisse ancora dei dolori lancinanti, i sanitari decidevano per le sue dimissioni.

Nella notte, il peggioramento delle sue condizioni e il ricovero al Rummo di Benevento.

Dal Rummo la signora veniva trasferita al nosocomio di Ariano Irpino con la prospettiva di una nuova operazione.

In un mese gli interventi si moltiplicano, ma nessuno di questi sembra essere risolutivo.

Il culmine

Il calvario della 71enne raggiunge il suo apice con il sopraggiungere della setticemia, ed è a questo punto che si decide di trasferire la donna al Moscati di Avellino, ma le sue condizioni sono già irrimediabilmente compromesse.

La scorsa settimana, Bianca Bruno è deceduta.

Si attendono gli esiti dell’autopsia per comprendere cosa possa aver causato la morte della 71enne, la famiglia attende giustizia per l’odissea che la loro congiunta ha dovuto subire.

 

 

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto