Cronaca

Avellino, gattino incastrato nel motore di un’auto: salvato

Paura per un gattino incastrato nel motore di un’auto ad Avellino. Il cucciolo è stato salvato dopo un’ora.

Gattino incastrato nel motore di un’auto

La sezione di Avellino della Gadit – Guardie Ambientali d’Italia – ha concluso nella serata di ieri un’altra importante operazione di salvataggio di un gattino incastrato nel motore di una macchina. È successo prima della mezzanotte ad Avellino.

Un simpatizzante della Gadit di Avellino ha chiamato il centralino della Onlus per richiedere l’intervento degli operatori. Il motivo? Forti miagolii che provenivano da un’Audi A3 in sosta presso un abitazione privata.

Il presidente Antonio Pepe, appena di rientrato da un servizio di vigilanza ambientale dal Comune di Solofra, si è allora portato subito sul posto con alcuni volontari. L’equipaggio operativo giunto sul posto ha verificato la presenza di un adorabile micino, con grandi occhioni spaventatissimi incastrato nel motore di un auto di proprietà di una persona ospite del segnalante.

L’operazione

La situazione è sembrata subito molto difficile in quanto il motore della vettura non lasciava spazio per infilare mani per poter raggiungere il povero gattino che ancora più impaurito si è nascosto in una piccola intercapedine tra il motore e la carrozzeria difficile da raggiungere. Intanto si è proceduto a far avvicinare un altro veicolo veloce dell’associazione, un Alfa Romeo 156 Q4 e un altro equipaggio con a bordo il Medico Veterinario in modo da intervenire in maniera rapida nel caso in cui il gattino avesse riportato ferite. Le Guardie Zoofile della Gadit, con l’autorizzazione e collaborazione del proprietario del veicolo anche esso in preoccupazione per il povero felino, hanno provveduto a smontare un carter di plastica installato a protezione del motore cosi da poter liberale il povero animale incastrato.

Dopo un ora si è conclusa l operazione nel modo sperato con la liberazione del gattino, che è stato visitato dal medico veterinario convenzionato l’ente, che oltre alla paura e qualche graffio non ha riscontrato altri traumi o lesioni. Poi il micino è stato riaffidato al padrone di casa.

Articoli correlati

Back to top button