Cronaca

Avellino, attentato al palazzo vescovile: oggi l’interrogatorio a Nelson Lamberti

Attimi di tensione nel pomeriggio di venerdì a causa di un esplosione avvenuta al palazzo vescovile di Avellino. Almeno tre le persone ferite, tra cui il direttore della Caritas, Carlo Mele.

Esplosione al palazzo vescovile ad Avellino

Sul posto sono accorse volanti della polizia, ambulanze e vigili del fuoco: tre le persone ferire,  tra questi il direttore della Caritas Carlo Mele.

Fermato un salernitano

Tre bombolette di gas da camping sono state fatte esplodere da un disoccupato vicino al portone del palazzo vescovile di Avellino. L’uomo ha poi tentato di fuggire ma è stato bloccato da un agente della polizia municipale e da un passante.

L’autore dell’attentato è originario della provincia di Salerno da tempo residente in Irpinia come riporta Le Cronache del Salernitano.

L’interrogatorio

Verrà interrogato stamattina in carcere Nelson Lamberti, il 49enne che ha causato l’esplosione davanti Palazzo Vescovile di Avellino venerdì pomeriggio.

Lamberti dovrà difendersi delle accuse di detenzione e fabbricazione di materiale esplosivo, danneggiamento aggravato nei luoghi di culto, incendio doloso e lesioni.

Alla base dell’attentato, secondo una prima ricostruzione, ci sarebbe un odio contro la Chiesa covato nel corso degli anni.

Articoli correlati

Back to top button