PoliticaSpeciale Elezioni

Amministrative 2018 Avellino, intervista a Luca Cipriano

AVELLINO. Intervista ai candidati alla carica di sindaco in occasione delle elezioni amministrative 2018: Luca Cipriano risponde alle domande della redazione de L’Occhio di Avellino.

Amministrative 2018 Avellino, intervista a Luca Cipriano

Perché ha deciso di scendere in campo per le elezioni amministrative?

«L’ho fatto per amore di questa città. Sono profondamente legato ad Avellino e sogno di rimetterla in piedi. Da troppi anni e, soprattutto dopo il disastro amministrativo di Paolo Foti, si è raggiunto un livello di degrado ed abbandono inaccettabili. Per questo ho sentito il dovere di scendere in campo e di provare a dare il mio contributo per riportare questa città alla normalità. Normalità significa piccole cose: pulizia, decoro, vivere civile. In una realtà di poco più di 50mila abitanti non mi sembra una pretesa assurda».

Da dove nasce il nome e il simbolo di “Mai Più”?

«Il simbolo è nato da un lavoro di gruppo che mi sta accompagnando in questa avventura. L’idea di base è che siamo stanchi di persone e di atteggiamenti che hanno da sempre contraddistinto la storia amministrativa di questa città. Il nostro è un “mai più” alla mala politica, all’incapacità amministrativa che ha portato la città al degrado, all’incuria, all’approssimazione. Ma soprattutto è un “mai più” a personaggi che fino ad oggi non hanno fatto altro che distruggere Avellino».

Quali problematiche affronterà la sua amministrazione?

«Il primo punto per me fondamentale è quello del decoro urbano. Come dicevo, questa città, per risollevarsi, ha bisogno di ripartire dall’ordinario. Noi immaginiamo una squadra che si occupi delle cose più banali, ma che sono in realtà fondamentali e che in questi anni sono state completamente trascurate. Le altre priorità riguarderanno i conti del Comune che dovranno essere necessariamente messi in ordine, le opere pubbliche da completare e, soprattutto il tema della mobilità, legato sia al sistema di parcheggi che all’introduzione di elementi innovativi che possano portare alla riduzione delle emissioni di Pm10».

Che cosa si aspetta dai cittadini e che cosa loro dovranno aspettarsi da lei?

«Dai cittadini io mi aspetto il coraggio di cambiare e di scegliere oltre gli schemi del passato. Mi aspetto una presa di coscienza in grado di far voltare pagina alla città. Loro da me dovranno aspettarsi l’impegno e l’onestà, tutto ciò che fino ad oggi è mancato a questa città».

foto da Facebook

ELEZIONI COMUNALI AD AVELLINO: LE LISTE E I CANDIDATI

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button