Cronaca

[Video] Avellino, furto in profumeria: rintracciati gli autori

AVELLINO. Rintracciati e denunciati gli autori del furto avvenuto la notte del 20 gennaio scorso,  nella profumeria “La Gardenia” sita in Corso Vittorio Emanuele di Avellino. Responsabili del colpo, una 31enne incensurata ed un 28enne con a carico precedenti di Polizia, entrambi di Napoli. I due sono stati denunciati in stato di libertà dagli Agenti della Sezione Volanti  di Avellino perché ritenuti responsabili di furto aggravato.

 

Il colpo in profumeria

 

I due malviventi si sono resi autori del furto avvenuto nella tarda notte di sabato scorso, presso la profumeria del centro città. Come si evince anche dalle immagini delle telecamere cittadine, diffuse dalla Questura di Avellino, la 31enne avrebbe fatto da palo al suo complice che, al via della donna, si è introdotto all’interno del negozio per uscire dopo circa un minuto con il registratore di cassa tra le mani per poi darsi alla fuga.

 


 

 


L’identificazione

 

Dopo aver visionato le immagini del sistema di video sorveglianza installato nei pressi della profumeria, che sebbene avesse evidenziato il modus operandi posto in essere dai due ladri, non forniva utili elementi per il riconoscimento,  l’attività investigativa è continuata. I due sono stati identificati dopo un attento esame delle immagini dei veicoli controllati nel corso della serata. Dai controlli, risultava fermata un auto con a bordo due giovani che per aspetto e vestiario riconduceva alla coppia ripresa dalle telecamere. La conferma definitiva del lavoro svolto dagli investigatori, ha trovato piena conferma attraverso le dichiarazioni rese dal gestore della profumeria, il quale ha raccontato di aver notato sia il ragazzo che la ragazza, aggirarsi all’interno del negozio in atteggiamento strano qualche giorno prima. Secondo il titolare, i due si aggiravano  tra i vari espositori del negozio, per poi uscire frettolosamente, senza aver comprato nulla. Rintracciati nel napoletano, i due sono stati condotti in Questura e denunciati alla Procura della Repubblica di Avellino.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button