Cronaca

Una bella storia di Natale da Avellino grazie alla Gadit

Una bella storia di Natale da Avellino grazie alla Gadit, che ha consentito ad una signora di ricongiungersi con i parenti per le feste aiutandola a portare con sé il proprio cane.

Una bella storia di Natale da Avellino grazie alla Gadit

Una di quelle storie che scalda il cuore, e che fa capire che non esistono solo persone che maltrattano o abbandonano gli animali.

Grazie alla Gadit di Avellino, una signora e il suo labrador sono potuti partire per ricongiungersi con la propria famiglia e passare insieme le feste.

La storia

La mattina del 24 dicembre alla segreteria della Gadit di Avellino è arrivata una chiamata da parte di  un uomo, residente a Roma ma originario del Capoluogo irpino, che raccontava di come sua madre fosse amareggiata e agitata alla prospettiva di dover lasciare per i giorni di festa il suo amato labrador, unica compagnia per l’anziana donna, impossibilitata a portarlo con sè nel viaggio verso la sua famiglia.

Un’unità operativa della Gadit si è immediatamente recata presso l’abitazione della donna, per capire come stesse la situazione. Commovente il contesto che i volontari hanno riscontrato.

L’anziana era disperata, voleva raggiungere il figlio per le feste di Natale, ma nel contempo non voleva lasciare il suo amatissimo cane, che però non poteva portare con sè.

La partenza

I volontari non ci hanno pensato neanche per un secondo, e hanno immediatamente organizzato il trasporto per la signora e il suo cucciolone, così che potessero passare tutti i due il Natale in famiglia.

Non solo salvataggi e monitoraggio ambientale, anche questo è un modo per aiutare gli animali quando vivono in famiglie che davvero li amano e che li considrano una parte intergrante e imprescindibile della propria vita.

Una bella storia di Natale.

 

 

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto