Cronaca

Truffe ed usura in Campania: imprenditori di Solofra a processo

AVELLINO. La Procura della Repubblica di Avellino ha chiuso le indagini su ventotto persone.

Tra queste imprenditori di Solofra e Salerno, chiamati a rispondere a vario titolo di usura ed emissione di fatturazioni per operazioni inesistenti al fine di evadere le imposte sui redditi.

Truffe e usura

Contestata dalla pubblica accusa anche una truffa da 70amila euro ai danni di un compratore straniero di pelli posta in essere da alcuni degli indagati.

Il procuratore contesta ad alcuni degli indagati anche l’aver prestato denaro con l’applicazione di tassi di interesse del 132% annui.

A finire nelle grinfie degli usurai un imprenditore che a fronte di un prestito di poco superiore agli 8mila euro sarebbe stato costretto a restituire il mese successivo più di 10mila euro.

Ed ancora a fronte di un finanziamento di 30mila euro la vittima sarebbe stata costretta a versare 30mila euro al mese di interessi.

Gli inquirenti hanno anche accertato un vincolo associativo tra quattro degli indagati volto a commettere diverse violazioni in materia di tributi.

Gli indagati

Questi i nomi degli indagati: Generoso Giaquinto, Gianfranco Grimaldi,  Francesco Vietri e Rocco Ravallese di Solofra, Roberto Guarnaccia di Mercato San Severino, Gerardo Iannone di Mercato San Severino, Alfonso De Maio di Solofra, Giuseppina De Stefano di Solofra, Maria Ricci, Valentino Botta, Nicola Vietri di Solofra, Clelia Strianese, Angelo Scafuro, Anthes Alessandro Belsole, Graziano Walter Ferrante, Nunziante Nastri, Antonio Parrella, Pasquale D’Urso, Antonio Troisi, Giovanni Angelo Gagliardi, Giovanni Capriolo, Anna D’Urso, Roberto Casaburi, Antonio Giordano, Giuseppe Mario Troisi, Gioconda Piccirillo.

FONTE IrpiniaOggi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button