Curiosità

Truffe, i consigli dei Carabinieri per difendersi

AVELLINO. Continuano le truffe agli anziani nell’avellinese. Questa volta a cadere nella tela dei malfattori una donna:  un malvivente si presenta a casa della vittima prescelta e, con la scusa di recapitarle il computer acquistato online dal nipote, si fa consegnare 700 euro in contanti.

I nuovi mezzi di comunicazione hanno contribuito all’evoluzione dei metodi adottati dai truffatori professionisti. Continua in maniera incessante l’attività dell’Arma in Irpinia, finalizzata alla prevenzione e repressione dell’odioso fenomeno delle truffe. Nel  corso della settimana altri due truffatori sono stati arrestati, sorpresi in flagranza di reato dai Carabinieri della Compagnia del capoluogo irpino. Tale risultato va ad aggiungersi ai moltissimi conseguiti grazie anche alla proficuità dell’iniziativa “Difenditi dalle Truffe, dedicata alla specifica prevenzione di tale fattispecie di reato predatorio, nata per forte volontà dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino ed attuata in modo capillare sul territorio da parte di tutti i reparti dipendenti.

Nonostante i numerosi risultati conseguiti si ritiene opportuno continuare a sensibilizzare i cittadini. È importante saper riconoscere le situazioni più a rischio, conoscere gli elementi che possono far pensare che sia in atto un tentativo di truffa e, di conseguenza, i comportamenti da assumere.

 

Comportamenti da assumere per prevenire truffe

 

  • Il truffatore, per introdursi nell’abitazione, può presentarsi in diversi modi: spesso è una persona distinta, elegante, gentile. Dice di essere un corriere, un funzionario delle Poste, di un ente di beneficenza, dell’INPS, o un addetto delle società di erogazione di servizi come luce, acqua, gas, ecc.
    Talvolta si presenta come appartenente alle Forze dell’Ordine, spesso con casacche e pettorine e non in divisa;
  • Non aprire agli sconosciuti e non farli entrare in casa soprattutto se si è soli. Prima di farli accedere accertarsi della loro identità eventualmente chiedendogli di mostrare un tesserino di riconoscimento;
  • Non dare denaro a sconosciuti che indicano di essere impiegati di enti pubblici o privati: Enel, Telecom, Gas, Acquedotto, Inps, ecc., non effettuano riscossione di bollette presso abitazioni, preannunciando l’eventuale controllo delle utenze con apposito avviso;
  • Mostrare cautela nell’acquisto di merce offerta per strada o venduta porta a porta e diffidare sempre degli acquisti oltremodo convenienti e dei guadagni facili, trattandosi verosimilmente di truffa o di prodotti rubati;
  • Attenzione se qualcuno telefona o si presenta a casa, chiedendo del denaro o oggetti preziosi per pagare debiti o acquisti di merce, con la scusa che lo ha mandato un parente: in tal caso rinviare l’appuntamento o chiedere al familiare interessato di partecipare al successivo incontro.

 

Segnalare immediatamente ogni situazione sospetta al 112 o al più vicino Comando.

 

Lo scopo di questa iniziativa è sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza di un comportamento attento per evitare di cadere nell’inganno di un potenziale truffatore.

Articoli correlati

Back to top button