Cronaca

Telecamere di sorveglianza ad Ariano Irpino: 60mila euro per la sicurezza

Le aree prescelte per installare gli impianti sono piazza Plebiscito, via S. Antonio (incrocio per Montecalvo Irpino) e le rotatorie di Cardito e Martiri

Telecamere di sorveglianza ad Ariano Irpino. È stato inoltrato il progetto per installare impianti di videosorveglianza nelle aree strategiche del Tricolle per utilizzare le risorse statali de 2021, ovvero un fondo del Ministero dell’Interno di 27 milioni di euro. Le aree prescelte per installare gli impianti sono piazza Plebiscito, via S. Antonio (incrocio per Montecalvo Irpino) e le rotatorie di Cardito e Martiri, per una spesa complessiva di 60mila euro, di cui la metà messi a disposizione dal dal bilancio comunale.

Ariano Irpino: in arrivo un nuovo impianto di videosorveglianza

La videosorveglianza – precisa il vice sindaco, Carmine Grasso – rappresenta per il nostro Comune una importante e necessaria misura atta a garantire il controllo del territorio ed un idoneo strumento per arginare fenomeni di trasgressione e violazioni alle norme di sicurezza urbana, nonché un notevole contributo per arginare fenomeni criminosi ai danni di operatori economici. La ragione è semplice: nel territorio si verificano numerosi episodi riconducibili ad atti di criminalità diffusa, quali fenomeni di vandalismo e di deturpamento delle aree periferiche, non esclusi illeciti penali di più grave entità e che, pertanto, risulta necessario ed urgente un fabbisogno di sicurezza tangibile e reale. Tra l’altro i nuovi impianti vanno ad integrare un sistema di controllo in atto in altre aree cittadine“.

L’impianto di “videosorveglianza urban”

In pratica ogni impianto di “videosorveglianza urban”, è costituito da telecamere di contesto gestito dalla Polizia municipale, collegato alle centrali operative delle Forze dell’Ordine, attive 24 ore su 24, dalle quali gli operatori in servizio possono interrogare le telecamere, al fine di visualizzare in tempo reale le immagini o consultare gli archivi digitali, per verificare precedenti registrazioni.

Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Back to top button