Cronaca

Staffette abusive di animali, i controlli della Gadit Avellino

Staffette abusive di animali, la nota del Presidente della Gadit Avellino in merito alle attività di vigilanza e monitoraggio del transito dei veicoli che effettuano servizi di Staffette dal Sud Italia al Nord passando anche per l’Irpinia.

Staffette abusive di animali, i controlli della Gadit Avellino

Si tratta di staffette che spesso, dietro una parvenza di amore per gli animali, celano degli  interessi pecuniari rilevanti.

Queste persone che non effettuano i trasporti rispettando le norme previste dalla legge, ma tentano di caricare più animali della capienza dei veicoli, ottenendo guadagni, ogni volta, per circa 3.500 euro per un viaggio di circa 900 chilometri, con animali spesso ammalati o cuccioli che ancora non hanno raggiunto i tre mesi e sono tenuti in condizioni di viaggio al limite della legalità.

Si pensi che questo tipo di trasporto avviene con cadenza settimanale, con un rimborso di 14.000 euro mensili.

Vi sono anche staffette che fanno realmente volontariato e lo fanno per reale amore degli animali, ma ne sono poche , ma purtroppo non è così per tutti e spesso questo comporta lo spostamento di zoonosi (malattia infettiva degli animali, ndr) in altri territori che ne erano esenti, con animali sani che si ammalano.

Tipico esempio è la comparsa della leishmaniosi, da noi quasi inesistente fin a qualche decennio fa, ma presente  solo in alcune zone, e oggi comparsa anche nella nostra provincia.

Le raccomandazioni della Gadit Avellino

La Gadit Avellino invita tutti coloro che meritoriamente intendono adottare un cane dal sud a richiedere prima dell’arrivo del cane copia del libretto contenente le vaccinazioni e i test della filaria e della leishmaniosi (quest’ultimo solo per cani oltre i sei mesi di età) e di valutare se la richiesta economica di rimborso del viaggio è confacente alle spese sostenute dal trasportatore.

Il commercio illegale di animali è al terzo posto tra le attività criminose e quindi è sempre bene, qualora si sia interessati a qualche annuncio sui social media, contattare persone che hanno precedentemente adottato animali  e chiedere loro come si sono trovati, al fine di evitare di incrementare interessi economici che di amore per gli animali non  hanno nulla.

 

Articoli correlati

Back to top button