Cronaca

Si finge giornalista e truffa un ristoratore

TEORA. I Carabinieri della Stazione di Teora hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria un uomo ritenuto responsabile di truffa. Determinante per la buona riuscita dell’operazione, è stata la prontezza della vittima che non ha esitato a contattare il “112” per raccontare l’accaduto e chiedere un consiglio.

I fatti

 

Un uomo di 55anni, proveniente dalla provincia di Caserta, si era recato presso un ristorante ubicato in un comune della Valle dell’Ofanto. Spacciandosi per un giornalista gastronomico e complimentandosi con il titolare, riusciva a farsi consegnare la somma contante di 150 euro, con la promessa di pubblicare, a scopo pubblicitario sulla pseudo-rivista denominata “Le cento migliori pizzerie della Campania”, una descrizione del locale, esaltandone sia la struttura che la località nonché, ovviamente, l’ottima cucina.

Conquistata la fiducia dell’esercente, il 55enne ha intascato la somma richiesta ed è andato via. Qualche giorno dopo, il commerciante, in preda al sospetto,  ha cercato vanamente di contattare il sedicente giornalista sui recapiti da lui forniti. Solo a questo punto si è reso conto del raggiro in cui era incappato  e non ha esitato a sporgere denuncia presso la stazione Carabinieri di Teora.

Grazie agli elementi forniti dalla vittima, i carabinieri sono riusciti a identificare il truffatore che, alla luce delle evidenze emerse, è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Rosario Cantelmo.

I consigli dei carabinieri in caso di truffa

 

 

Il Comando provinciale dei carabinieri di Avellino ricorda ancora una volta i consigli diffusi con l’iniziativa “Difenditi dalle truffe”: è importante saper riconoscere le situazioni più a rischio, conoscere gli elementi che possono far pensare che sia in atto un tentativo di truffa e, di conseguenza, i comportamenti da assumere, segnalando immediatamente ogni situazione sospetta al “112” o al più vicino Comando.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button