Cronaca

Trovati resti umani in un bidone di plastica: erano in una porcilaia abbandonata

Resti umani trovati tra Venticano e Torre Le Nocelle: si indaga. I resti mortali apparterrebbero a due persone diverse

Si indaga sui resti umani trovati tra Venticano Torre Le Nocelle. Un macabro ritrovamento avvenuto nel pomeriggio di lunedì 22 agosto un capanno agricolo diroccato adibito a suo tempo a porcilaia. Due teschi, femori e parti di arti inferiori e superiori erano in un bidone di plastica, sotto la tettoia della struttura abbandonata e invasa da erbacce e rovi come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Resti umani trovati tra Venticano Torre Le Nocelle: si indaga

I resti mortali apparterrebbero a due persone diverse. Sono stati sequestrati dai Carabinieri della stazione di Dentecane, e dai colleghi della Compagnia di Mirabella Eclano, competente per territorio. Nelle prossime ore saranno sottoposti ad analisi morfologiche e ulteriori perizie necroscopiche. Sul caso indaga la Procura della Repubblica di Benevento. Gli investigatori dell’Arma hanno inoltre delimitato, col nastro bianco e rosso, l’area del capanno dove un uomo l’altro giorno ha rinvenuto le ossa e, sconvolto dalla scoperta, ha provveduto ad avvisare le forze dell’ordine.

In merito è intervenuto il sindaco di Venticano, Luigi De Nisco: “È un fatto davvero inquietante. La nostra è una comunità tranquilla, al riparo da episodi di matrice delinquenziale. Proprio non riesco a capire chi e perché abbia nascosto quelle ossa umane in quel luogo. Attendiamo con fiducia l’esito dell’operato investigativo prima di azzardare qualsiasi ipotesi e montare misteri fantasiosi“.

Articoli correlati

Back to top button