Cronaca

Avellino, ragazza salvata da due “angeli” infermieri

AVELLINO. Lieto fine per una ragazza di 35 anni che questa notte è piombata in un incubo a causa di un grave malore. Sonia, giovane avellinese, era a casa con il fratello, quando ha avvertito un forte dolore al petto e ha perso conoscenza. Visto il ritardo dei soccorsi, dovuto alla posizione isolata dell’abitazione dei due giovani, il fratello di Sonia ha trasportato con la sua auto la ragazza, al Pronto Soccorso dell’Ospedale Moscati di Avellino.

Sonia è giunta in ospedale già priva di conoscenza per un arresto cardiaco. Due infermieri, allertati dal clacson del ragazzo escono dal Pronto Soccorso e vista la gravità della situazione non esitano a intervenire. A Sonia, stesa a terra all’ingresso del Pronto Soccorso, viene effettuato un massaggio cardiaco. Grazie alla manovra dei due infermieri, il cuore della ragazza ricomincia a battere regolarmente.

Dopo il primo soccorso, Sonia è stata ricoverata e assegnata alle cure del personale medico dell’Ospedale Moscati. A raccontare il lieto fine di questa notte di paura, il fratello di Sonia. Il ragazzo, ha deciso di rivolgersi al quotidiano online Bassairpinia, per ringraziare pubblicamente i “due angeli” che hanno salvato la sorella: Litto infermiere di Mugnano del Cardinale e a Tedi di San Martino Valle Caudina.

Articoli correlati

Back to top button