Racconto in lingua, l’Irpinia e le storie di una terra antica

Racconto in lingua

Racconto in lingua, l’Irpinia e le storie di una terra antica, un viaggio tra i dialetti per riscoprire la bellezza di un modo arcaico di esprimersi

Racconto in lingua, l’Irpinia e le storie di una terra antica. Un viaggio tra gli antichi dialetti dell’Irpinia per riscoprire la bellezza di un modo antico di esprimersi. Dove la tradizione attraversa la storia di un popolo nelle sfaccettature dei suoi dialetti, dal 1800 ad oggi.

Racconto in lingua, l’Irpinia e le storie di una terra antica

Racconto in lingua, l’Irpinia e le storie di una terra antica, un viaggio tra i dialetti per riscoprire la bellezza di un modo arcaico di esprimersi.

 

 

Il racconto in lingua : Ziè Amato Nicola

Nc’era no prevete, chi no tengo a mente re quale casale era, si chiamava pe nom Nicola e lo chiamavano Ziè Amato Nicola pecchè no picca viecchio, era po’ brutto e scignato. No gioverì santo re l’aoto secolo l’ordene ra lo vescovo re fa isso la prereca re la passione e la ghiesa matre; Ziè Amato Nicola, chi non sapia rice manco roie parole una appriesso a nata, tutto si riglionava e non sapia come fa. Si rette animo, “mal’appena ngi avia tre ghiorni re tiempo”, e si ngommenzavo a mparà la prereca, chi avia esse fatta chiagnolente. Venete la sera re lo giovedì santo, zieè amato Nicola sagliette ngima a klo purpito lo chiu  auto e si portavo la roje boccie re spirito p beve e cinco maccatora ianche pe si stoiùà. La prima cosa fo quera re se fa ne veppeta re spirito, pon commenzavo a piglià maccatoria e doppo re s’avè stoiato e appulizzato, messe re cinco maccatora ngimm a la spalliera re lo purpito a filo a fila, ncommenzavo a scaravogliù cruci e golriapatri. Roppo si zezzavo e ncocolato, chiano chiano si facette n’ata veppeta; si tornavo a azà , si facette n’ate tre cruci, recette n’ati durici gloriapatri e accossi ncommenzavo a prerrecà:

  • ..! Ahi!… Mi sento na cosa caora ra roreto!

E po isso stesso responnia:

  • Che hai, né ziè Amato Nicò?

Prerrecava

  • Quessa è l’anima re patito chi te persecuta! –

Responnia:

  • E che te rice, che te rice? –

Prerrecava:

  • Mi rice! Ti mettietti a lo munno, figlio mio e figlia mia! Ti rietti la rocazione, ti crescietti e ti rietti a mangià nfi che facisti gruosso! Pò, quanno murietti, ti lassai lo territorio! Ti lassai lo mabilio re casa!!Ti lassai lo puoroco! Ti lassai lo ciuccio! Ti lassai puro na vorza re renari!!! Avissi ritto na vota, tè ziè Amato Nicò, ri na messa a tata!!!

Si ngocolava, si facia n’ata veppeta, po’ s’aozava n’ata vota e, oppo re cruci e gloriapatri, tornava a prerrecà:

  • Ahi!…Ahi!… Mi sento na cosa caora ra rareto!-

Responnia:

  • Che hai né ziè Amato Nicò.-

Prerrecava:

  • Quess’è l’anima re mammeta chi te persecuta! –

Responnia:

  • E che te rice! Che te rice! –

Prerrecava:

– Mi rice! Ti portai nove misi mpanza! T’allatai n’aoti bintiquattro misi! Centenara re vote mi pesciavi e cacavi nzino, e io, co la santa pacienza, t’appulizzava! Ti facietti lassà a camminavà e po, roppo nzorato, t’aijutai a cresce puro li figli tua!!E tu, avissi ritto na vota , tè ziè Amato

 Nicò, ri na messa a mamma! –

Accossi recenno, ncommenzavo a rice re lo vavone, po la vava, lo zio, la zia, lo frate, la sore, nomennano li bonifici chi questi l’avievano fatti quanno  erabo nvita; ogni tanto però si ngocolava e si facia na veppeta nfac a la boccia. Mo, metre prerrecava, verette n’omo nfaccia a la porta re la ghiesa chi chiagnia e , senza sapò ca quiro potia re frussione a l’uocchi, recette ncuorpo a isso stesso: “ lo aggia esse fatto na bona prerreca; vero gente chiagne. Quann’esco ra ghiesa voglio proprio addommannà a quir’ommene si l’ha piaciuta la prerreca ch’aggio fatta”. Scennette ra lo purpito, si levavo la barretta ra capo e ncommenzavo a ghi pezzenno renari pe dento a la ghiesa e, chi no tornese, chi no grano, sopierco avia fatto. Ma, come s’azzeccavo nfacci a na femmena co la solita cantelena “Fa bene all’anema re patito, all’anema re mammeta”, la femmena responnete:

  • Ziè Amato Nicola mio, io no tengo renari, ma tengo na cocchia r’ova, si re buò teccatirre”.-

Ziè Amato Nicola responnette:

  • Mittire rinto a la barretta ca quesse puro so bone; crammatino me re coca a referisco re l’anima ri li muorti re mammeta e de parito e de quanta muorti ti so muorti.-

Subito appriesso no sgrozzieri vottavo rinto a la barretta no paro re cingorate e li spappavo r’ova, tanno ziè Amato Nicola Amato no nge verette chiù, si ngazzavo buono buono e sbattete la barretta nfacci a lo sgrozzieri ma, co tutto lo ngazzament e l’allucchi re le gente, s’arrevgliavo tutti li renari, s’alleccavo quanto potette re r’ova e se ne jette rinto a la sagrestiae li passavo tutto ro beleno e la raggia. Subito  subito corrette pe berè si trovava l’ommene chi chiangia e pe combinazione lo verette nanzi  a la porta re la ghiesa chi si stajava co no maccaturo ianco la frussione e l’uochi, chi ziè Amato Nicola creria se chiangesse ancora. Lo chamavo e li ricette:

  • Nè bon’ò. T’ha piaciuta quera bella prereca ch’aggio fatta, che ne rici?Aggio fatto chiange puro re prete re la via!. –

L’ommene s’addonavo ca ziè Amato Nicola era pacchiano e li risponnette:

  • Eh, ziè Amato Nicola mio, m’hai proprio zuccarato co sa prereca ch’ai fatta, allaviramente ca sempe chi penzo a quere no pozzo tenè re lagreme;ma sa cfhe ti voglio rice?-
  • E che? – responnette ziè Amato Nicola
  • So capo toja avesse re sta ngimma a la pontarola e puro nisciuno ro bole capisce ca tu si no buono prerrecatore.-

A senti ste parole ziè Amato Nicola facette n’ato tanto quant’era pecche si crera che regno era la pontarola e li recette:

  • Vieni co me a casa, ca ti voglio rà lo riato, ca te lo meriti. –

L’ommene, chiacchiarianno chiacchirianno, arrivavo a la casa re ziè Amato Nicola,sempe facenno s berè lo scornuoso; ma isso lo facette saglie e lo facette magnà e, roppo mangiato, li riette miezzi li renari chi accogliette rinto a la ghiesa, lardo, caso, farina e tant’ate cose, e ne lo mannovo. L’ommene, tutto prejato, la recenno sulo sulo” Vi che sceme re prevote,l’aggio ritto ca la capo suja avia ra stà ngimma a la pontarolae m’ha dato tanta cose e, si li ricia no regno, re li primo m’avverrebbe arreccuto!. Lo journo appriesso assette ziè Amato Nicola ra la casa e s’affrontavo pe n’ato prevete e l’addommannavo a che pizzo era la pontarola, l’ato prevete, no picca chiu astuto, li recette :

  • La pontarola e a tutti pizzi. –
  • Come – tornavo a dice ziè Amato Nicola – La pontarola è a tutti li pizzi?-
  • Si – risponnette l’aoto prevete.
  • – Nzomma, – recette ziè Amato Nicola, – com’a dice ca Vagnulo Cassano e tant’ati paisi se chiamano tutti come si chiama lo paese nuosto!
  • Quest’è nata cosa, io ti rico la pontarola, no ti parlo re paesi ne re città e de li regni.-
  • Come- tornavo a dice ziè Amato Nicola, – la ponterola non è ni paese, ni città ni regno? E ch’è rimmirro.-

Recette lo provete :

  1. – Tu ro buo sape,è no palo pizzuto ando nge mpizzano re capo re male gente!-

– Vasta – responnette ziè Amato Nicola pe l’urtima vota, – statti buono ch’aggia che fa!-

Scattato come stia, ziè Nicola Amato cercava a tutt’i mari re trova l’omo chi ghiangia, chi l’avia ritto cala capo suja avia ra sta ngimma a la pontarola, ma sto piacere n’o potette avè nfi che morette co la raggia mponta a li rienti.

(tratto da Li Canti Viecchi – di Modestino della Sala)

 

 

Il racconto in italiano :Zio Amato Nicola

C’era un prete, che non ricordo di quale casale fosse, che si chiamava di nome Nicola e che chiamavano zio Amato Nicola, perché alquanto vecchio, era anche brutto e scarmigliato. Un giovedì santo dell’altro secolo ebbe ordine dal vescovo di fare  la predica della passione alla chiesa madre; zio Amato Nicola, che non sapeva dire neanche due parole una dietro l’altra, tutto si lamentava e non sapeva cosa fare.  Si fece animo ( a stento aveva tre giorni di tempo) e cominciò ad appendere la predica, che doveva essere strappalacrime. Venne la sera del giovedì santo  zio Amato Nicola, salì sul pulpito più alto e si portò lì fiaschi di liquore per bere e cinque fazzoletti bianchi per asciugare. Per prima cosa si fece una bevuta di liquore, poi cominciò a prendere i fazzoletti e, dopo essersi asciugato e ripulito, messi i cinque fazzoletti sulla spalliera del pulpito cominciò a biascicare croci e gloria al Padre. Poi si sedette, e accoccolato, pian piano si fece un’altra bevuta; tornò ad alzarsi, si fece altre tre croci, disse altri dodici glori al Padre e cominciò a predicare così:

  • Ahi! Ahi! Mi sento una cosa calda da dietro!

E poi lui stesso si rispondeva:

  • Che hai, zio Amato Nicola? –

Predicava:

  • Questa è l’anima di tuo padre che ti perseguita!

Rispondeva:

  • E che ti dice, che ti dice? –

Predicava:

  • Mi dice…!Ti misi al mondo, figlio mio e figlia mia. Ti detti la dote, ti crebbi e ti detti da mangiare fino a che divenisti adulto! Poi quando morii, ti lasciai le terre! Ti lasciai i mobili di casa! Ti lasciai il maiale! Ti lasciai l’asino! Ti lasciai anche una borsa di danari..Avessi detto una volta, tieni, zio Amato Nicola, dì una messa a bacco!!

Si coccolava, si faceva un’altra bevuta, poi si alzava un’altra volta e, dopo le croci e i gloria al Padre, tornava a predicare:

  • Ahi!…Ahi!..mi sento una cosa calda di dietro! –

Rispondeva:

  • Che hai, zio Amato Nicola!-

Predicava:

  • Questa è l’anima di tuo madre che ti perseguita!

Rispondeva:

  • E che ti dice, che ti dice? –

Predicava:

  • Mi dice !…Ti portai nove mesi in pancia! Ti allattai altri ventiquattro mesi! Centinaia di volte mi orinavi e mi defecavi in grembo ed io, con santa pazienza ti ripulivo! Ti insegnai a camminare e, poi, dopo il matrimonio, ti aiutai a crescere anche i figli tuoi…e tu avessi detto una volta, ecco, zio Amato Nicola, di una messa a mamma!!!

Così discorrendo, discorrendo, cominciò a dire del nonno, della nonna, dello zio, della zia, del fratello, della sorella, citando i benefici che gli avevano fatto quando erano in vita, ogni tanto però si accoccolava e si faceva un sorso alla bottiglia. Ora, mentre predicava, vide un uomo accanto davanti alla porta della chiesa che piangeva e, senza sapere che quello soffriva di flussione agli occhi, disse fra se: Devo aver fatto una buona predica, vedo gente piangere. Quando esco dalla chiesa voglio proprio chiedere a quell’uomo se gli è piaciuta la predica che ho fatto. Scese dal pulpito, si tolse dal capo il berretto e cominciò a questuare danari per la la chiesa e, chi un tornese, chi un novecalli, chi un grano, aveva fatto abbastanza. Ma, come si avvicinò ad una donna con la solita cantilena:”Fa bene all’anima di tuo padre, all’anima di tua madre”, la donna rispose:

  • “Zio Amato Nicola mio, non ho danari, ma ho un paio di uova se le vuoi eccotele”. –

Zio Amato Nicola rispose:

  • Mettile nel berretto, che queste anche sono buone; domani mattina me le cuocio a refrigerio dell’anima dei morti di tua madre e di tuo padre e di quanti altri ti sono morti. –

Subito dopo il burlone gettò nel berretto un paio di cinque grane e gli ruppe le uova; allora zio Amato Nicola non ci vide più, si arrabbiò ben bene e sbatté il berretto in faccia al burlone ma, con tutta l’arrabbiatura e le urla della gente, raccolse tutti i denari, leccò quanto pote le uova, se ne andò nella sagrestia e gli passò tutto il veleno e la rabbia. Subito corse per vedere se trovava l’uomo che piangeva e per caso lo vide davanti alla porta della chiesa che si asciugava con un fazzoletto bianco la flussione degli occhi, tanto che zio Amato Nicola, credette che piangesse ancora. Lo chiamò e gli disse:

  • Ehi, buon uomo, ti è piaciuta quella bella predica che ho fatto, che ne dici? Ho fatto piangere anche le pietre della strada. L’uomo si accorse che zio Amato Nicola era ingenuo e gli rispose:
  • Oh zio Amato Nicola mio, mi hai proprio deliziato con questa predica che hai fatta, veramente, quando penso a quelle parole, non posso mantenere le lacrime; ma sai che ti voglio dire?-
  • Cosa? – Rispose zio Amato Nicola
  • Questa tua testa dovrebbe stare in cima alla puntarola, eppure nessuno lo vuole capire che tu sei un buon predicatore. –

A sentire queste parole zio Amato Nicola si fece il doppio di quanto era, perché credeva che la pontarola fosse un regno e gli disse:

  • Vieni con me a casa, perché ti voglio dare un regalo, che te lo meriti. –

L’uomo parlando, parlando, arrivò a casa di zio Amato Nicola. Vedi che scemo di prete gli ho detto che la testa sua doveva stare sulla cima della pontarola e m’ha dato tante cose, se gli avessi detto un regno certamente mi avrebbe arricchito!. Il giorno seguente zio Amato Nicola uscì di casa, incontrò un altro prete e gli chiese dove fosse la puntarola. L’altro prete un poco più astuto, gli disse:

  • La pontarola è da per tutto! –
  • Si, – rispose l’altro prete.-
  • Insomma – tornò a dire zio Amato Nicola – equivale a dire che Bagnoli, Cassano e tanti altri paesi si chiamano tutti come si chiama il paese nostro!-
  • Questa è un’altra cosa – io ti dico la pontarola, non ti parlo di paesi, città o regni.-
  • Come, – tornò a dire zio Amato Nicola, la pontarola non è né paese, né città, né regno? E che è dimmelo!
  • Lo vuoi proprio sapere! E’ un palo appuntito su cui si infliggono le teste dei malvagi.-
  • Basta! – rispose infine zio Amato Nicola, – Stammi bene, che ho da fare!

Dispiaciuto come era, zio Amato Nicola, cercava in tutti i modi di trovare l’uomo che piangeva, quello che gli aveva detto che la sua testa doveva stare in cima alla puntarola, ma non poté avere questo piacere fin quando morì con il fiele ai denti.

 

 

Rubrica a cura di Elizabeth Iannone

 

 

 

 

 

 

TAG