Cronaca

Pietradefusi, in manette topo d’appartamento

PIETRADEFUSI. Ancora furti in appartamento nella Valle del Calore.  Nell’ambito del massiccio dispositivo preventivo messo in campo dalla Compagnia di Mirabella Eclano, i Carabinieri della Stazione di Dentecane, congiuntamente ai colleghi dell’Aliquota Radiomobile, hanno tratto in arresto un giovane albanese, senza fissa dimora, resosi responsabile nella tarda serata di ieri, unitamente a due complici, di furto in alcune abitazioni.

L’azione delittuosa che i tre malviventi avevano messo in atto, è stata notata da alcune persone che, che hanno allertato con tempestività il “112” fornendo dettagliati elementi di quei tre malviventi e del veicolo da loro utilizzato. Ricevuta la segnalazione, i militari in servizio presso la Centrale Operativa hanno disposto in tempo reale l’invio di una pattuglia che, grazie all’approfondita conoscenza del territorio e alla dettagliata descrizione, è riuscita ad individuare e bloccare a Pietradefusi l’Alfa 156 con a bordo i tre ladri.

Due dei malviventi hanno abbandonato l’auto e si sono dati alla fuga nelle campagne circostanti, riuscendo far perdere le tracce favoriti dalla vegetazione e dall’oscurità, mentre il terzo, è stato bloccato dai militari operanti.   A bordo dell’auto sprovvista di copertura assicurativa, sono stati ritrovati dai carabinieri, vari oggetti atti allo scasso e al travisamento. I successivi accertamenti permettevano di ritenere i tre soggetti responsabili di altri furti perpetrati in alcune abitazione delle Valle del Calore.

Il giovane, condotto in Caserma ed inchiodato alle proprie responsabilità da tutte le evidenze raccolte, è stato  dichiarato in stato di arresto alla Procura della Repubblica di Benevento, diretta dal Procuratore Aldo Policastro, in attesa di comparire dinanzi al Tribunale per essere giudicato con la formula del rito direttissimo previsto per la mattinata odierna. Sono in corso indagini da parte dei Carabinieri finalizzate all’identificazione dei due complici.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button