Cronaca

Pastore evangelico accusato di violenza sessuale, la parola alle vittime

Sant’Andrea di Conza, pastore evangelico di 83 anni indagato per violenza sessuale e riduzione in schiavitù per aver assoggettato alla sua volontà alcune fedeli, anche minorenni. Le vittime hanno raccontato la loro verità

Pastore evangelico accusato di violenza sessuale: parlano le vittime

Il processo è iniziato queste mattina nelle aule della Corte d’Assise di Avellino, a porte chiuse. Nell’udienza di oggi sono state ascoltate alcune delle vittime, come una ragazza,che all’epoca dei fatti aveva 13 anni, e sua zia.

La vicenda

L’83enne salernitano, pastore evangelico a Sanr’Andrea di Conza, dovrà rispondere di violenza sessuale e abusi psicologici, perpetrati tra i 1999 e il 2016 a danno di alcune fedeli della sua parrocchia

Minacce e vessazioni

Il pastore evangelico minacciava di “sciagure terribili“ tutte coloro che non avessero acconsentito alle sue richieste sessuali. Le violenze si sarebbero consumate tra il 1999 e il 2016.

Le vittime erano “obbligate a portare gonne”, a “non avere rapporti con persone estranee alla comunità evangelica” e a “non sposare uomini ritenuti da lui non adeguati”.

Vere e proprie schiave del sesso e vittime di violenze subite “in nome di Dio”. Alcune di loro hanno raccontato che in diverse occasioni gli incontri a sfondo erotico avrebbero coinvolto più donne insieme.

 

Emanuela Dente

Personalità eccentrica e geniale, e giornalista attenta e scrupolosa. La sua innata curiosità le consente di vivere ogni esperienza in pieno, acquisendo conoscenze e capacità molto rapidamente. La sua vita è una grande avventura. La sua passione è un dono immenso

Articoli correlati

Back to top button