Cronaca

Ospedaletto, raid al cimitero: furto per migliaia di euro

OSPEDALETTO D’ALPINOLO. Raid nel cimitero di Ospedaletto, danneggiate decine di tombe e rubati portafiori e iscrizioni. A quasi un anno dall’atto vandalico avvenuto lo scorso febbraio nella parte antica del cimitero, questa volta nel mirino dei malviventi finisce la parte costruita di recente. I ladri si sarebbero introdotti all’interno del cimitero durante la notte dell’Epifania, a scoprire il furto, il custode che ieri mattina ha aperto i cancelli per la visita domenicale ai defunti. Sul posto la polizia municipale e i carabinieri per acquisire elementi utili a risalire agli autori del gesto.

 

La denuncia della minoranza

 

Il consigliere di minoranza del comune di Ospedaletto, Antonio Iannaccone: «Abbiamo chiesto che fosse ampliato il
servizio di videosorveglianza, già attivo in diversi punti del paese, – spiega Iannaccone al quotidiano Il Mattino -anche nella zona cimiteriale. Avremmo avuto oggi immagini precise da cui risalire all’identità dei delinquenti che hanno agito». Più che il danno economico a carico delle famiglie dei defunti, ora resta la profanazione dei sepolcri che ha sconvolto le persone giunte ieri al cimitero per un saluto ai propri defunti.

 

I danni

 

Dalle tombe sono state asportate con violenza, portafiori, lampade e perfino le iscrizioni. I malviventi, infatti, hanno danneggiato circa dieci lapidi per portare via il materiale prezioso, sono stati divelti i marmi delle lapidi e le basi di lampade e portafiori. Oltre alle iscrizioni, sono state trafugate le cornici con le foto dei defunti. Conteggiati danni per migliaia di euro.

Articoli correlati

Back to top button