Coronavirus, ad Avellino niente alcol da asporto dopo le 21 | L’ORDINANZA

Ordinanza ad Avellino contro il coronavirus, stop alla vendita di alcol da asporto dalle 21 per le giornate di venerdì, sabato e domenica

Nuova ordinanza del sindaco di Avellino per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Il primo cittadino del capoluogo irpino, Gianluca Festa, ha firmato l’ordinanza numero 325 con oggetto: “Ulteriori misure per la prevenzione del contagio da COVID-19. Ordinanza contingibile ed urgente ai sensi dell’art. 50 comma 5º del D. Lgs. 267/2000 per la limitazione delle attività di vendita per asporto di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione finalizzate al contenimento dei fenomeni di assembramento su aree pubbliche”.

Ordinanza ad Avellino contro il coronavirus, limitata la vendita di alcol

Nell’ordinanza, si legge che “fatti salvi eventuali successivi provvedimenti anche nazionali e regionali nonché le eventuali decisioni che potranno essere assunte dal Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, per i motivi contingibili e urgenti descritti in narrativa, con decorrenza immediata e sino al 7 settembre 2020 per le giornate di venerdì, sabato e domenica su tutto il territorio comunale:

  • dalle ore 21 il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione ed in qualsiasi contenitore presso le grandi e medie distribuzioni di vendita;
  • dalle ore 19 l’obbligo della vendita per asporto di qualsiasi tipo di bevanda, alcolica e non alcolica, esclusivamente attraverso contenitori monouso, con divieto assoluto di uso di vetro e lattine;
  • in ogni caso il divieto di uso e abbandono da parte di chiunque  di  contenitori  vuoti, lattine e bottiglie di vetro, la loro rottura e l’abbandono dei cocci in aree pubbliche o ad uso pubblico;
  • ai pubblici esercenti degli esercizi di somministrazione è fatto obbligo di garantire le regole di distanziamento sociale all’interno delle aree pubbliche in concessione e di rispettare il limite di chiusura delle attività e i divieti sopra”

 


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG