Cronaca

Nicola ucciso con sei colpi di pistola: lascia una figlia di 4 anni

Omicidio a Cervinara, Nicola Zeppetelli ucciso in piazza. Zeppetelli è uscito e si è subito ritrovato al centro di una scazzottata

Emergono dettagli sull’omicidio di Nicola Zeppetelli, 40enne ucciso Cervinara nella giornata di sabato 19 febbraio. Barista 40enne, sposato, era padre di una figlia di 4 anni. Si tratterebbe del secondo atto della faida innescata dall’omicidio di Orazio Di Paola nel settembre 2020 come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Omicidio a Cervinara, ucciso il barista Nicola Zeppetelli

La vittima ha un legame di parentela attraverso il fratello proprio con il boss ucciso a San Martino. Due persone lo hanno chiamato fuori dal bar che gestiva alle 15.15 di ieri, sabato 19 febbraio, nella piazza della frazione Ioffredo.

Zeppetelli è uscito e si è subito ritrovato al centro di una scazzottata. Uno dei due aggressori ha estratto una pistola calibro 22, esplodendo diversi colpi indirizzati all’addome e al petto del 40enne, caduto a terra prima della fuga dei suoi aggressori.

I soccorsi

Spari ed urla hanno allertato i residenti. Qualcuno ha chiamato l’ambulanza della Misericordia, ma i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso di Zeppettelli, avvenuto alle 16.15 circa. I proiettili hanno colpito organi vitali, la vittima ha perduto molto sangue, il killer si è accanito sparando più volte anche quando Zeppetelli è stramazzato al suolo.

Mostra di più

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio