Cronaca

Il caso di Nouhaila arriva a Striscia la Notizia: l’appello per riportare in Italia la madre e le sorelline

Il caso di Nouhaila arriva a Striscia la Notizia: ieri sera il tg satirico di Canale 5 ha trasmesso l’appello della ragazza per riportare in Italia la madre e le sorelline, prigioniere della famiglia del padre in Marocco.

Striscia la Notizia a Teora per il caso di Nouhaila

Teora si era mobilitata per Nouhaila: in un’assemblea pubblica in cui è stato ascoltato il fratello, l’unico della famiglia ancora presente in Italia. Il sindaco Farina e vari rappresentanti delle istituzioni stanno tentando una mediazione.

Un’intera comunità ha preso a cuore il caso della giovane marocchina, e il sindaco di Teora, Stefano Farina, si sta muovendo insieme all’assessore Pietro Sibilia, ai parlamentari del movimento 5stelle Generoso Maraia e Michele Gubitosa, presenti all’assemblea di ieri sera.

Una soluzione al più presto

I pentastellati hanno assicurato di essere in contatto con l’ambasciatore italiano in Marocco e che si stanno muovendo per arrivare ad una soluzione condivisa e riportare la madre di Nouhaila e le sue sorelle in Italia.

Le parole del fratello

Il fratello di Nouhaila, convocato per dare spiegazioni sulla vicenda, secondo chi era presente, sarebbe apparso entremamente in difficoltà, come se la questione fosse qualcosa a lui estraneo. Il giovane, infatti, ha ribadito di non aver mai sottratto nessun documento alla madre e alle sorelle, che sarebbero andati perduti.

Nessuna minaccia

Per quanto riguarda il rapporto con la sorella, il giovane ha affermato di non aver mai minacciato la sorella, nè in passato nè dopo l’annuncio dell’intenzione di sposarsi con un italiano.

Protezione

Nouhaila è ancora a Modena al momento, e ha trovato protezione in un centro antiviolenza, un tipo di sicurezza che avrebbe anche qui, qualora volesse tornare in Irpinia.

La storia di Nouhaila

Nouhaila è marocchina ma è cresciuta nel comune dell’Alta Irpinia, dove si è trasferita con la famiglia quando aveva 3 anni, e piano piano l’Italia è entrata nel suo cuore, tanto da aver modificato il suo modo di vivere, assimilando sempre di più quello del Paese che ha sempre sentito come la sua seconda casa.

Anni di minacce

Il suo stile di vita “occidentale”, però, non è andato a genio a suo padre e suo fratello, per i quali la ragazza è troppo “amancipata” e libera. Anni di vessazioni e minacca hanno convinto Nouhaila a lasciare la famiglia e a cercare di vivere la vita che ha sempre sognato. E così la 19enne si è trasferita a Modena, dove ha trovato un  lavoro e dove l’eco delle minacce del padre e del fratello non riesce a raggiungerla.

La madre e le sorelle prigioniere

Ma la madre e le sue sorelle minori, di 13 e 10 anni, non sono state coraggiose come lei. Tutte e tre, infatti, sono proaticamente prigioniere in Marocco, dove si erano recate per le festività, e non possono rientrate in Italia perchè il fratello ha sottratto loro tutti i documenti, compresi i permessi di soggiorno, e il denaro.

Una vita all’occidentale

Nouhaila ha denunciato il padre dopo anni di minacce e vessazioni. Secondo quanto raccontato dalla ragazza a Il Mattino, l’uomo era arrivato a vietarle cose fondamentali come la frequentazione della scuola e il conseguimento della patente di guida. Per provargli che non era una poco di buono, era arriavata persino a sottoporsi ad una visita ginecologica per provargli che era ancora vergine.

L’appello

Ora la giovane chiede che le autorità competenti si interessino del suo caso perchè, afferma, in Marocco la madre sta trovando una serie interminabile di ostacoli per ottenere i documenti, che le consentano di tornare in Italia.

Il matrimonio

La 19enne ha recentemente comunicato alla famiglia l’intenzione di sposarsi con un ragazzo italiano, e che lui sarebbe anche disposto a convertisri alla religione musulmana. Ma il padre e il fratello, alla notizia, hanno reagito nel peggiore dei modi, e hanno minacciato di ucciderli entrambi. Ora che il contratto di lavoro a Modena sta per scadere, la 19enne ha paura di tornare a Teora.

 

Articoli correlati

Back to top button