Montella, truffa ad un’anziana: arrestato 25enne

truffa-finti-contratti-energia-elettrica

Truffa ad anziana. I Carabinieri di Montella hanno tratto in arresto un 25enne di Napoli, già noto alle Forze dell’Ordine, in esecuzione di un’ordinanza

Truffa ad anziana. I Carabinieri di Montella hanno tratto in arresto un 25enne di Napoli, già noto alle Forze dell’Ordine, in esecuzione di un’ordinanza applicativa della misura coercitiva della custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Avellino, in accoglimento della richiesta avanzata dalla locale Procura della Repubblica per il reato di Truffa aggravata.

Montella, truffa ad un’anziana: arrestato

L’indagine prende spunto dalla denuncia sporta nel dicembre dello scorso anno da un’anziana signora di Montella: attuando un piano seriale, il 25enne, dopo una telefonata alla vittima prescelta preannunciandole l’arrivo di un corriere per la consegna di materiale informatico a fronte del pagamento di 4.500 euro, si presentava a casa dell’ultranovantenne consegnando un pacco sigillato e ritirando il denaro, per poi subito dileguarsi, prima che la donna, aprendo l’involucro contenente in realtà solo un brick di succhi di frutta, si rendesse conto di essere stata raggirata.

L’attività d’indagine sviluppata dai militari operanti, corroborata dagli inequivocabili esiti dattiloscopici elaborati dai Carabinieri del RIS (Reparto Investigazioni Scientifiche) di Roma, in ordine ad impronte acquisite sul pacco-truffa sequestrato subito dopo l’azione delittuosa, permetteva l’identificazione del responsabile che, alla luce dei probanti elementi raccolti, veniva deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

L’Autorità Giudiziaria, concordando pienamente con le risultanze investigative dell’Arma, e rilevando la dedizione alla consumazione dei reati di natura truffaldina, ha spiccato nei confronti del malvivente il provvedimento in parola.

L’arresto

Rintracciato dai militari operanti nel capoluogo partenopeo, l’arrestato, successivamente alle formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Napoli Poggioreale.

Sono tuttora in corso accertamenti da parte dei Carabinieri finalizzati sia a risalire all’identità di eventuali complici sia ad appurare eventuali ulteriori responsabilità del soggetto in analoghi fatti reato.

TAG