Cronaca

La moglie del sindaco di Montella e i rapporti con il nuovo clan Partenio

Shock a Montella per il coinvolgimento della moglie del sindaco Buonopane, Aurora Fierro, nell’inchiesta che ha smantellato il nuovo clan Partenio.

Aurora Fierro, moglie del sindaco di Montella coinvolta nell’inchiesta Partenio

Le intercettazioni ambientali della Dda, hanno tirato in ballo la moglie del sindcao, Rino Buonopane, che avrebbe avuto frequenti contatti con gli ambienti vicini al nuoco clan Partenio.

L’intervento dei clan

Nello specifico, Aurora Fierro avrebbe chiesto l’intervento del clan nell’esecuzione dello sfratto di due persone che avevano affittato due suoi locali, e che da tempo erano insolventi

La replica

Secca e perentoria la replica della donna, che ha negato ogni coinvolgimento, affermando di aver compreso solo tempo dopo di essere stata in contatto con persone legate ai clan. Le indagini continuano.

L’operazione

Dei 23 arrestati nell’operazione, 18 sono finiti in carcere, mentre 5 sono agli arresti domiciliati. Gli indagati sono tutti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, usura, estorsioni, detenzione di armi ed altro, nei. La misura cautelare è stata emessa dal GIP di Napoli, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di quel capoluogo.

Le indagini sono iniziate nell’estate 2017, per riscontrare le dichiarazioni rese durante un interrogatorio di garanzia al Nucleo Investigativo CC di Avellino da Francesco Vietri (condannato il 24 settembre alla pena dell’ergastolo per l’omicidio di Michele Tornatore).

Le intimidazioni

Nel contempo sono state effettuate circa 20 perquisizioni domiciliari unitamente al Nucleo PEF della Guardia di Finanza di Napoli anche nei confronti del “gruppo Forte”, accusati diturbativa d’asta immobiliare, fiancheggiamento e scambio politico – mafioso con alcuni esponenti delle istituzioni locali.

I sequestri

Si è dato altresì esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo d’urgenza di due autorimesse adibite a parcheggio autovetture, un lavaggio, due società di costruzioni e diversi conti correnti bancari.

Damiano Genovese

Coinvolto nell’operazione anche il figlio del boss Amedeo Genovese, Damiano, raggiunto da un avviso di garanzia per il reato 416 ter (scambio elettorale politico-mafioso).

 

I nomi degli arrestati

  • Franco Ambrosone, 56 anni di Monteforte Irpino
  • Ferdinandio Bianco, 45 anni di Monteforte Irpino
  • Pasquale Nando Bianco, 47 anni di Monteforte Irpino
  • Diego Bocciero, 31 anni di Mercogliano,
  • Giuliana Brogna, 41 di Montemiletto
  • Filippo Chiauzzi, 42 anni di Avellino
  • Pellegrino Cucciniello, 56 anni di Avellino
  • Martino De Fazio, 63 anni di Monteforte Irpino
  • Carlo Dello Russo (detto Carletto’e Mercogliano), 42 anni di Mercogliano
  • Luigi De Simone, 35 anni di Montella
  • Giuseppe Durante, 40 anni di Avellino
  • Nicola Galdieri, 44 anni di Mercogliano
  • Pasquale Galdieri (detto ‘o milord) 45 anni di Mercogliano
  • Elpidio Galluccio, 30 anni di Avellino
  • Angelo Genito, 51 anni di Montemiletto
  • Antonio Matarazzo, 30 anni di Mercogliano,
  • Giuseppe Moscariello, 29 anni di Montella
  • Ernesto Nigro (detto Ciambone) 41 anni di Bagnoli Irpino
  • Giuseppina Nigro, 37 anni di Bagnoli
  • Ludovico Niuttolo, 52 anni di Avellino
  • Mario Rosania, (detto rambo) 46 anni di Cassano Irpino
  • Antonio Taccone, 26 asnni di Mercogliano
  • Carmine Valente (detto caramella) 49 anni di Mercogliano
  • Giovanni Volpe, 32 anni di Montella.

Il reati contestati sono associazione a delinquere di tipo mafioso, usura, estorsione, detenzione di armi e altri reati inerenti.

Articoli correlati

Back to top button