Curiosità

Una laurea in videogames? A Solofra una realtà di eccellenza

 

Quello di studiare e lavorare con le proprie passioni è il sogno di tutti e proprio da quest’idea nasce lo IUDAV, la prima università di animazione e videogiochi fondata nel 2013 a Solofra (Av), un’opportunità per tanti giovani avellinesi e non solo di mettersi in gioco in un campo sempre dinamico e affascinante.

L’idea di dare vita a un percorso di studi interamente dedicato al mondo dei videogames è di don Patrizio Coppola, sacerdote di Contrada che ha deciso di unire il suo spirito di amore e sacrificio verso gli altri alla sua innata passione, che gli è valsa il simpatico soprannome di “don Joystick”.

In un inusuale connubio tra religione e tecnologia, don Patrizio ha cercato di creare i presupposti affinché anche in questo territorio, in cui spesso per i giovani è difficile trovare sbocchi importanti per il proprio futuro, come accade un po’ in tutto il Sud Italia, si potesse dar vita a una realtà didattica e professionale nuova, dinamica e attraente. È così che, nel 2013, affiancato da Riccardo Cangini, fondatore della società di videogiochi Artematica, e Carlo Cuomo, tutor all’Università La Sapienza di Roma, il parroco fonda a Salerno, in seno alla Fondazione Children Media, l’Istituto Universitario Digitale di Animazione e Videogiochi, un vero e proprio campus che nel 2017 apre la sua sede principale proprio a Solofra.

Il primo corso di laurea triennale con orientamento Videogiochi e Animazione viene attivato nel 2014, grazie a un accordo tra la Fondazione e altre realtà universitarie, gettando così per la prima volta le basi per un percorso di studi mirato a formare professionisti in grado di competere sul mercato nazionale e internazionale. Grazie a workshop, master class e piani di studi all’avanguardia, diretti da docenti dalla lunga esperienza nel settore, il corso si pone dunque l’obiettivo di fornire conoscenze adeguate su più fronti, unendo gli aspetti prettamente tecnici della creazione di videogames alle discipline di aspetto gestionale ed economico.



I programmi didattici dell’Università, che oggi vanta anche un corso di Laurea Magistrale in Comunicazione Digitale e Visuale, sono infatti ricchi e variegati e includono ogni materia utile per conoscere non solo come si progetta e si realizza un videogame, ma anche per approfondire teorie economiche, sociologiche e di marketing: dalla storia dei videogames al video editing, dalla sceneggiatura alla grafica, nulla è lasciato al caso e, anzi, ogni percorso di studio aiuta gli allievi a formare una cultura completa per il settore.

Numerosi sono gli sbocchi professionali: mantenendo limitato il numero di accessi ai corsi, lo IUDAV riesce infatti a garantire un rapporto molto stretto tra docenti e allievi, al fine di formare ogni studente al meglio sulla base delle sue abilità e aspirazioni. Ciò consente di far sì che, al termine degli studi, ogni figura uscita dall’Istituto sia in grado di proporsi sul mercato ricoprendo ruoli specifici e complessi, che spaziano dal game designer al programmatore, dall’art director al character designer, al game tester.

Per comprendere l’efficacia dei percorsi di studi attivati, basta osservare i dati ufficiali pubblicati dallo stesso IUDAV sul proprio sito: il 18 luglio 2017, infatti, hanno completato il ciclo di studi i primi dodici laureati triennali con orientamento Videogiochi e Animazione e, tra laureati e laureandi, “oltre il 60% degli studenti dell’Istituto è già riuscito a collocarsi nel mondo del lavoro”.

Non mancano poi soddisfazioni professionali già durante il corso di studi: gli studenti vengono infatti coinvolti in progetti di varia natura, come la produzione di cortometraggi animati, videogiochi, 3d assets, spot pubblicitari e siti web, mettendo in pratica gli insegnamenti ricevuti durante le lezioni. Alcuni allievi particolarmente meritevoli hanno anche avuto la possibilità di lavorare al cartone animato Capitan Kuk, coprodotto da MTO2, RAI Fiction e Ministero della Salute, e al videogioco Animal-Action, co-prodotto da Artematica Entertainment e Ferrero, due esperienze di rilievo in grado di dare lustro e onore tanto ai giovani studenti che vi hanno preso parte quanto all’Istituto nel suo complesso.

Grazie al riconoscimento da parte del Ministero dell’Istruzione maltese, oggi i corsi di laurea tenuti dallo IUDAV sono accreditati e l’Istituto è in grado di rilasciare il titolo europeo Bachelor’s Degree in Arti Digitali – Videogiochi e Animazione, completamente spendibile sul mercato del lavoro.

 

Articoli correlati

Back to top button