Cronaca

Ex Mercatone, le precisazioni del Comune di Avellino

Ex Mercatone, secondo il Comune non ci sarebbe nessun ritardo burocratico, ma solo doverose verifiche sulla sicurezza e sul rispetto delle norme paesaggistiche, ambientali e igienico-sanitarie.

Ex Mercatone, l’Ente smentisce le illazioni che sono circolate nelle ultime settimane

Nelle ultime settimane sarebbero circolate notizie secondo le quali il ritardo nell’avvio dei lavori di riqualificazione della struttura ex Mercatone sarebbe causato da alcuni “veti” posti dalla Soprintendenza e dai Vigili del Fuoco.

La risposta del Comune di Avellino

A seguito di tempestiva richiesta del RUP sono stati acquisiti i pareri di carattere igienico-sanitario, da parte dell’ASL in data 28.12.2018 e della Regione Campania per gli aspetti paesaggistici, ai sensi del DPR n.31 del 13.2.2017, in data 17.01.2019.

Il parere del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, per gli aspetti di prevenzione incendi, ai sensi dell’art. 3 del DPR n.151/2011, è tuttora in istruttoria, a seguito delle richieste di integrazioni prodotte dallo stesso Comando, che devono essere riscontrate da parte della Concessionaria del project financing, approvato dall’Amministrazione pro-tempore.

A tale ultimo riguardo, si è avuto modo di prendere atto della disponibilità del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco che, piuttosto che impegnato “in lungaggini burocratiche” ha indicato, costruttivamente, soluzioni e proposte migliorative per rendere il progetto perfettamente conforme alle norme di prevenzione incendi, delle quali la Concessionaria è tenuta a prendere atto.

La sicurezza della struttura

In relazione alla problematica connessa alla custodia dell’area di cantiere, già consegnate formalmente sin dal 03/9/2018, è stato disposto che la Concessionaria provveda alla messa in sicurezza, mediante il potenziamento del servizio di vigilanza e la necessaria recinzione dell’area di cantiere, al fine di evitare eventuali intrusioni.

 

Articoli correlati

Back to top button