Enrico Franza si è dimesso: ad Ariano Irpino arriva il commissario, poi le elezioni

enrico-franza-ariano-irpino-commissario

L'ex sindaco di Ariano Irpino, Enrico Franza, ha annunciato le sue dimissioni in maniera ufficiale. A breve verrà nominato il commissario e poi le elezioni

L’ex sindaco di Ariano Irpino, Enrico Franza, ha annunciato le sue dimissioni in maniera ufficiale, con un’assemblea aperta a tutta la cittadinanza, nella sala consiliare. A breve verrà nominato il commissario e tra qualche mese di andrà alle elezioni.

Le dimissioni ufficiali di Enrico Franza da sindaco si Ariano Irpino: arriva il commissario

Forse qualcuno sperava ancora in un colpo di scena dell’ultimo minuto, e invece no: Enrico Franza ha ressegnato le dimissioni dalla carica di sindaco di Ariano Irpino.

L’ostilità

Esulta l’ex primo cittadino, Gambacorta, da sempre ostile al nuovo arrivato, ed esultano le coalizioni all’opposizione, specialmente quelle della destra, che hanno fatto ostracismo sin dal primo minuto, arrivando persino a non votare il bilancio del 2018, ereditato dalla precedente amministrazione.

La squadra al completo

Insieme a Franza c’erano gli assessori Laura Cervinaro, Francesca D’Antuono, Valentina Pietrolà e Massimiliano Grasso, oltre ai consiglieri Carmine Grasso, del  Pd, Luca Orsogna e Mario Iuorio, del Movimento 5 Stelle.

Il bene di Ariano

Franza le ha provate tutte in questi pochi mesi, ma gli hanno messo i bastoni tra le ruote in ogni modo. Le sue dimissioni, si potrebbe dire, sono state quasi forzate, un “sacrificio” per Ariano, perchè i leoni della politica potessero placare la loro ira, e arrivare a più miti consigli, per il bene della città.

La nuova campagna elettorale

La prossima campagna elettorale si preannuncia già infuocata, e senza esclusione di colpi, con Franza che cercherà di nuovo di riproporre il suo cambiamento, e il suo patto per il bene della città. Ma l’ex sindaco dovrà scontrarsi con la vecchia guardia della politica arianese, affezionata alle tradizioni e incline all’immobilismo.


La nomina del commissario


 

 

TAG