PoliticaSpeciale Elezioni

Elezioni comunali 2022 a Montemiletto: Massimiliano Minichiello torna sindaco. I voti ai candidati consiglieri

I voti ai candidati consiglieri

A Montemiletto Massimiliano Minichiello torna sindaco dopo il breve commissariamento. Si è votato il 12 giugno, per rinnovare il sindaco e il consiglio comunale: ecco i risultati delle elezioni comunali 2022 e dello spoglio elettorale ed i voti ai candidati consiglieri.

Elezioni comunali 2022 a Montemiletto: eletto sindaco Massimiliano Minichiello


I voti ai candidati consiglieri e alle liste

Candidato sindaco Massimiliano Minichiello (eletto)

Lista Proposta Concreta

  • TIZIANA BEVILACQUA 384
  • GIUSEPPE D’AMELIO 184
  • MARCELLO DELLO IACONO 152
  • MASSIMO MICERA 184
  • ROSETTA RAGNO 278
  • ALFREDO CAPONE 211
  • EMILIANA CAPONE 257
  • PASQUALE COLELLA 238
  • GIANLUCA D’AMELIO 144
  • GIANNI FESTA194
  • LEONTINO REDA 422
  • NUNZIA VIETRI 434

Candidato sindaco Agostino Frongillo (consigliere)

Lista Consenso Civico

  • CRISTIAN CAPONE 151
  • CARMINE EMANUELE CENSALE 162
  • SIMONA CIAMPI 217
  • FELICE COLELLA 163
  • MARIO DE STEFANO 107
  • GERARDO FINA 116
  • GIOVANNA FRONGILLO 129
  • GIUSEPPINA MEOLA 356
  • ALBERTO MINICHIELLO 167
  • MARY MUSTO 306
  • RAFFAELE PETRILLO 172
  • VALTER VIVARELLI 217

 


TUTTI I SINDACI ELETTI IN IRPINIA 


 

Elezioni in provincia di Avellino, al voto 14 comuni

In provincia di Avellino si sono svolte le amministrative ad Atripalda, Baiano, Capriglia Irpina, Chianche, Flumeri, Fontanarosa, Gesualdo, Grottaminarda, Montemarano, Montemiletto, Pietradefusi, Santo Stefano del Sole, Sirignano, Solofra. Si è votato solo in comuni con meno di 15mila abitanti, dunque non ci saranno ballottaggi in Irpinia.

Come funziona il quorum

Nei piccoli Comuni, ovvero quelli sotto i 15mila abitanti, che avranno una sola lista in corsa per le elezioni, il quorum scenderà al 40%. A stabilirlo è il nuovo decreto del Governo pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Sono molti i Comuni al voto in cui per le elezioni si profila la presenza di una sola lista, come Sovere e Leffe per esempio, una tendenza sempre più frequente nei piccoli paesi. Proprio per questo è arrivato il nuovo decreto del Governo che sposta dal 50% al 40% il quorum necessario per rendere valida l’elezione del sindaco e del consiglio comunale. Abbassare il quorum significa quindi abbassare il rischio di commissariamento.




 

 

Francesco Piccolo

Giornalista professionista, direttore del network L'Occhio che comprende le redazioni di Salerno, Napoli, Benevento, Caserta ed Avellino. Direttore anche di TuttoCalcioNews e di Occhio alla Sicurezza.

Articoli correlati

Back to top button