Cronaca

«Dio è donna», “attentato” al Presepe di Montevergine in Vaticano

«Dio è donna», questo il grido di protesta di un’attivista Femen arrestata ieri in Vaticano. Nel mirino della 25enne ucraina, il Presepe donato dall’Abazia di Montevergine a Papa Francesco. La natività esposta dal 7 dicembre a Piazza San Pietro a Roma, è diventato il teatro dell’ultima protesta di Femen, movimento femminista ucraino.

 

La protesta

 

È successo ieri, a Piazza San Pietro, la donna si è tolta il cappotto rimanendo in topless, ha scavalcato la transenna e si è precipitata sul presepe prendendo in braccio la statua del Bambinello. L’attivista, urla a gran voce il suo motto in inglese: «God is woman», lo stesso slogan è dipinto anche sulla sua schiena nuda. Tutto sarebbe avvenuto circa un paio di ore prima del tradizionale messaggio di Natale di Papa Francesco al mondo cristiano.

 

L’arresto

 

La donna è stata bloccata da alcuni gendarmi del Vaticano che l’hanno poi arrestata con l’aiuto della polizia. La 25enne ucraina è accusata di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, offese a confessione religiosa, tentato furto e atti osceni in luogo pubblico. Denunciata in stato di libertà per concorso nei reati anche una sua connazionale di 22 anni, che l’avrebbe aiutata nell’impresa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto