Diete a basso contenuto di carboidrati? Rischio di malattie cardiache

Secondo studi recenti, un’alimentazione mista ed equilibrata è la migliore, ma "non una licenza per il consumo eccessivo di carne"

Una dieta equilibrata è la migliore dieta per il cuore e più in generale della salute. Lo ripetiamo da anni noi dello “Sportello dei Diritti”, ma lo ribadiscono i risultati di una serie di studi internazionali presentati al Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC) a Monaco di Baviera. La tendenza ad una dieta “low carb”, ovvero la sostanziale rinuncia ai carboidrati, infatti, aumenterebbe il rischio di morire prematuramente.

Diete a basso contenuto di carboidrati? Meglio evitarle

“I nuovi risultati dello studio suggeriscono che una dieta mista ragionevole è più adatta per una dieta sana per il cuore”, ha detto Andrea Podczeck-Schweighofer (KFJ Wien), presidente della Società austriaca di cardiologia. Pertanto, una ricerca dalla Polonia dimostra che una dieta con pochissimi carboidrati dovrebbe essere evitata.

“Le persone con una dieta a basso contenuto di carboidrati sono ad aumentato rischio di morte prematura”, ha detto l’autore dello studio Maciej Banach (Lodz, Polonia).

“Aumentano anche i rischi delle singole cause di morte come malattie cardiache, ictus e cancro”.

Lo studio

Lo studio ha esaminato l’associazione tra diete a basso contenuto di carboidrati, mortalità totale, malattie cardiovascolari e cancro tra 24.825 partecipanti al National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES ) e un programma di ricerca sulle indagini condotto dal National Center for Health Statistics (NCHS) – la principale agenzia del Sistema statistico federale statunitense – per valutare lo stato sanitario e nutrizionale di adulti e bambini negli Stati Uniti e per monitorare i cambiamenti nel tempo.

Rispetto ai partecipanti con il più alto consumo di carboidrati, quelli con la mortalità complessiva più bassa sono aumentati del 32% in un periodo di osservazione di 6,4 anni in media. Il rischio di morte per malattie cardiache è aumentato del 51%, una malattia cerebrovascolare comprendente ictus del 50% e cancro del 35%.

“Una dieta a basso contenuto di carboidrati può essere utile a breve termine per perdere peso, abbassare la pressione sanguigna e migliorare il controllo del glucosio – ha affermato Podczeck-Schweighofer – ma a a lungo termine, sembra essere associata ad un aumento del rischio di mortalità”.

Il motivo potrebbe essere l’assunzione più bassa di fibre e frutta e l’aumento del consumo di proteine ​​animali, colesterolo e grassi saturi. Inoltre, le differenze di vitamine, minerali e sostanze fitochimiche potrebbero avere un impatto. “Ciò che riteniamo sano per il cuore della nostra dieta e che realmente lo è, differisce spesso da quello che molti considerano essere”, ha detto Salim Yusuf, (McMaster University, Hamilton, Canada) in occasione della presentazione dello studio PURE, che è stato pubblicato sulla rivista The Lancet. “Per esempio, i nostri risultati mostrano che i latticini e la carne sono salutari e contribuiscono alla longevità “.

Le persone con una dieta che include frutta, verdura, noci, pesce, così come i prodotti lattiero-caseari e carne hanno un più basso rischio di malattie cardiovascolari. Questi sono i risultati di un’analisi complessiva di cinque studi con oltre 218.000 partecipanti provenienti da oltre 50 paesi nei cinque continenti. I risultati, dice Yusuf, sono validi a livello globale. Tuttavia, solo la carne non trasformata fa parte di una dieta sana per il cuore. Inoltre, la quantità di carboidrati raffinati consumati dovrebbe essere limitata.

I cardiologi, è bene precisare – rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” – vedono nei risultati dello studio un “appello per una dieta mista equilibrata”, ma non una licenza per il consumo eccessivo di carne.

TAG