Cronaca

Avellino, cori contro Salerno e De Luca: sindaco Festa indagato anche per diffamazione

Il sindaco di Avellino potrebbe essere indagato anche per diffamazione. Dopo l’episodio dei cori contro Salerno dello scorso 30 maggio il primo cittadino irpino è stato già multato le indagini proseguono. Da via De Conciliis quella serata infatti sono state pronunciate anche frasi offensive nei confronti del governatore campano Vincenzo De Luca e ora la Procura è impegnata nell’indagine, il fascicolo è nelle mani del pm Paola Galdo come riporta Il Mattino.

Sindaco di Avellino rischia di essere indagato per diffamazione

L’assembramento del 30 maggio con cori contro la città di Salerno dunque potrebbero costare anche una indagine per diffamazione al sindaco Festa che nel frattempo ha deciso di prendere tempo rispetto al pagamento della contravvenzione che, con i suoi piedi, è andato in Questura a ritirare. Ritiene infatti che sia necessario attendere le decisioni della Procura che sta indagando, prima di effettuare il versamento che, nei cinque giorni, comporterebbe anche una riduzione della sanzione.

Le altre accuse

La Procura sta verificando l’eventualità di applicare anche ) una norma più dura dell’articolo 650 del codice penale, ossia l’articolo 260 del testo unico delle leggi sanitarie. Reato che prevede pena congiunta dell’arresto “fino a 6 mesi” e dell’ammenda fino a 400 euro.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto