Cronaca

Caso Aias, lavoratori in attesa e pazienti in Alta Irpinia

AVELLINO. Si è svolto ieri sera in Prefettura un tavolo sulla questione del centro Aias per porre rimedio all’emergenza causata dalla chiusura improvvisa della sede di Avellino. Dall’incontro di ieri pare che l’unica soluzione immediata per garantire la continuità del servizio del centro di riabilitazione, sia il trasferimento dei pazienti nelle sedi di Nusco e Calitri.

Questa mattina, la dirigente dell’Asl, Maria Morgante, invierà dunque una missiva ai vertici della Regione Campania per chiedere il trasferimento delle prestazioni dei servizi nelle altre sedi del centro dislocate in provincia.Si spera un riscontro in tempi rapidi da Palazzo Santa Lucia, e anche il prefetto si adopererà per sollecitare una risposta.

Nel frattempo, i 294 pazienti potranno continuare le loro terapie nelle strutture già indicate dall’Asl dopo la chiusura e cioè l’ospedale Landolfi di Solofra e il centro Australiano. Per i lavoratori del centro Aias – circa 60 -, invece,  scatteranno da oggi 7 giorni di ferie d’ufficio. Anche il loro destino, al momento, è nelle mani della Regione.

(fonte Il Mattino)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button