Cronaca

Casa a luci rosse nell’avellinese: nei guai 33enne napoletana

SANTO STEFANO DEL SOLE. I Carabinieri della Stazione di Salza Irpina hanno deferito alla Procura della Repubblica di Avellino una 33enne ritenuta responsabile di aver avviato una casa di prostituzione. Solo pochi giorni fa i militari ne avevano scoperto un’altra a Mercogliano.

Scoperta casa di prostituzione: le indagini

Da alcuni giorni i militari avevano intuito che a Santo Stefano del Sole, un’abitazione potesse celare qualche segreto potenzialmente sospetto. Di lì la decisione di porre sotto osservazione la casa e notare quell’insolito e continuo via vai di uomini soli che generalmente caratterizza e contraddistingue obiettivi operativi di siffatta natura.

Nello sviluppo delle indagini gli operanti hanno proceduto all’identificazione di alcuni avventori che, discretamente avvicinati, non hanno potuto che confermare la natura illecita delle prestazioni che vi si praticavano.

Il blitz

Quindi, decisi ad intervenire, i Carabinieri sono entrati con uno stratagemma all’interno dell’abitazione riscontrandovi l’effettiva presenza dell’avvenente 33enne di origini partenopee che si prostituiva.

All’esito dell’attività di Polizia Giudiziaria i militari hanno sottoposto a sequestro l’abitazione, il materiale vario pertinente all’attività svolta, un cellulare ed alcune centinaia di euro probabile provento dell’illecita attività.

Inoltre, attesa l’illiceità della condotta posta in essere che rendeva ingiustificata la sua presenza in quel Comune, la stessa è stata proposta per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio.

Sono in corso accertamenti finalizzati ad appurare responsabilità di terzi ed eventuali favoreggiatori e sfruttatori della stessa.

Leggi anche: Giro di prostituzione e droga nell’avellinese: scoppia lo scandalo

Articoli correlati

Back to top button