Cronaca

Carabinieri al Solimena, Foti indagato

AVELLINO. La presenza dei carabinieri al Solimena dimostra che le indagini sull’edilizia scolastica nell’avellinese proseguono a ritmo serrato. Poco più tardi delle 13 di oggi, alcuni carabinieri, caschi rossi e tecnici della Procura hanno ispezionato la scuola media “Solimena” in viale Italia.
Il sindaco Foti, invece, è stato iscritto nel registro degli indagati per omissione d’atti d’ufficio.

Il blitz potrebbe essere motivato dalla scelta del preside del liceo Mancini di trasferire le lezioni dei ‘suoi’ ragazzi proprio in quelle aule. D’altro canto il Mancini era stato sequestrato proprio perchè una perizia cristallizzava la necessità di incrementare il livello di sicurezza del liceo.

Con altre ispezioni, i carabinieri hanno passato a setaccio Palazzo Caracciolo, al fine di acquisire la documentazione inerente scuole oramai chiuse (“l’ex Scoca”, il “De Luca” e l’“Amatucci”).

Intanto, pare che un altro istituto rischi la sorte del Mancini.

 

Aggiornamento

 

Da quanto si apprende, è stata formulata l’ipotesi di reato “rovina di edificio” è a carico del sindaco Foti, di Fernando Chiaradonna – Dirigente ai Lavori Pubblici del Comune di Avellino e al funzionario del settore Edilizia Scolastica, Gaetano D’Agostino, raggiunti da un avviso di garanzia.

Resta ancora che il sopralluogo dei carabinieri al Solimena possa portare ai sigilli della scuola.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche:

 

Liceo Mancini, il duro attacco di Cittadinanzattiva a Gambacorta

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button