Cronaca

Botti di Capodanno, primi bollettini di guerra

Come ogni capodanno che si rispetti in Campania non possono mancare i “botti” di fine anno e i conseguenti bollettini di guerra del giorno successivo. Come riportato anche da L’Occhio di Napoli, quest’anno il bilancio parziale è di 35 persone ferite tra Napoli e provincia, cifra in calo rispetto allo scorso anno che vide 46 persone ferite a causa dello scoppio di petardi e affini.

 

I feriti in Campania

 

Nel dettaglio a Napoli sono state 22 le persone ferite per lo scoppio di botti, 13 in provincia. Il più piccolo delle vittime, ha solo 8 anni ed è stato ferito alla mano destra per lo scoppio di un petardo. Un 23enne ha perso due dita della mano destra mentre un 27enne di Castel Volturno (Caserta) rischia di perdere l’occhio destro. Un 52enne di Casavatore è stato ricoverato per lesioni al braccio e alla nuca mentre un 49enne di Portici ha riportato ustioni su diverse parti del corpo. Ad Avellino secondo quanto riportato dal quotidiano online Irpinianews padre e figlio sarebbero stati raggiunti da pallini di fucile. Nessun ferito solo nella provincia di Benevento. A Salerno risultano sei i feriti, i dettagli in un articolo de L’Occhio di Salerno: Botti di fine anno: sei feriti in tutta la provincia di Salerno.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button