Cronaca

Bomba al centro impiego di Avellino: bombaroli pronti ad un nuovo attentato

Misero una bomba al centro impiego di Avellino: finiscono in manette Ubaldo Pelosi e Carmine Bassetti. Erano pronti ad un nuovo attentato

Misero una bomba al centro impiego di Avellino: finiscono in manette due simpatizzanti dei “Movimenti Spontanei Popolari”, il 51enne Ubaldo Pelosi e il 48enne Carmine Bassetti, arrestati all’alba di ieri dai carabinieri di Avellino. I bombaroli erano pronti ad un nuovo attentato con le stesse modalità.

Avellino, piazzarono una bomba al centro impiego: chi sono i bombaroli

Ubaldo Pelosi, 51 anni, è un ragioniere con uno studio di consulenza del lavoro e commerciale. Carmine Bassetti, 48 anni, è disoccupato con lavori saltuari come restauratore. Entrambi con figli, ora devono rispondere di attentato con finalità terroristiche e delitti contro la personalità dello Stato, ai due è contestata tra l’altro, l’aggravante terroristico-eversiva.

Contatti con i Gilet Gialli

I due avellinesi avevano nella loro vicenda personale una contiguità con ambienti di destra, in particolare con il movimento Gilet Gialli del generale Pappalardo, al quale avevano comunque tentato di avvicinarsi. Come riporta Il Mattino, avevano partecipato ad una manifestazione pubblica del 26 ottobre del 2020 davanti alla prefettura di Avellino che venne organizzata da alcuni commercianti della città.

Terrorismo, misero una bomba al centro impiego di Avellino: due arresti

Articoli correlati

Back to top button