Atti sessuali con minorenni, in manette un pedofilo irpino

manette pedofilia foglio di via

Nel piccolo comune dell’Alta Valle del Sele, l'uomo ha adescato due ragazzi di 14 anni, in uno dei prefabbricati post-sisma

CAPOSELE. In manette per pedofilia, dopo anni la condanna per l’uomo già noto alle forze dell’ordine. I carabinieri della Stazione di Caposele hanno tratto in arresto l’uomo ritenuto responsabile di violenza sessuale ed atti sessuali con due minori.

I fatti risalgono al 2001, quando nel piccolo comune dell’Alta Valle del Sele, l’uomo ha adescato due ragazzi di 14 anni, in uno dei prefabbricati post-sisma.

Già nel 2004, i carabinieri di Caposele, avevano eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, all’epoca emessa dai Magistrati del Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi. Per l’uomo, allora 31enne, scattavano gli arresti domiciliari.

Nel corso del procedimento penale era stato condannato sia in primo grado dal soppresso Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi che in secondo grado dalla Corte di Appello di Napoli ma è stato necessario attendere anche l’ultimo grado di giudizio della Corte di Cassazione alla quale l’uomo si era rivolto per evitare il carcere.

Giunta ora anche la decisione dei giudici della Suprema Corte, i Carabinieri hanno eseguito l’ordinanza con la quale è stata disposta la carcerazione e la condanna definitiva a 8 anni di reclusione.

I militari della Stazione di Caposele hanno dato esecuzione al provvedimento restrittivo, notificando all’uomo la relativa ordinanza. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato condotto al carcere di Sant’Angelo dei Lombardi, dove sconterà il suo debito con la giustizia.

TAG