Cronaca

Sgominata la “banda delle nocelle”

AVELLINO. Fermata la “banda delle nocelle”. A finire nella rete delle ronde notturne dell’Arma irpina una banda di romeni dedita ai furti un abitazione. Quattro gli arrestati, tutti di età comprese tra i 18 ed i 25 anni e senza fissa dimora, sorpresi dai carabinieri nella flagranza di furto aggravato. 

I fatti

I fatti si sono svolti nella scorsa notte nel capoluogo irpino: una pattuglia dei carabinieri di Avellino, insospettita da un’auto che nella notte percorreva una zona isolata in prossimità di ville residenziali, ha effettuato i controlli di rito.

Alla vista della “gazzella” il veicolo sospetto rallentava inspiegabilmente l’andatura; all’“Alt” l’automobilista in un primo momento dimostrava l’intenzione di accostare ma, avvicinatosi, ha accelerato inaspettatamente cominciando una gran cosa per darsi alla fuga.

 

L’inseguimento

 

Dopo un breve inseguimento i carabinieri sono riusciti a bloccare quell’auto con a bordo i quattro giovani. Perquisita l’auto, i militari hanno trovato una costosa bicicletta, un sacco con 70 chili di nocciole, quattro fiaschi di vino da 5 litri e attrezzi vari. Poco ci è voluto per scoprire che tutto, compreso l’auto, era oggetto di un furto perpetrato poco prima in un’abitazione di Avellino.

 

Altri oggetti nascosti dalla “banda delle nocelle”

 

Poco distante dalla medesima abitazione, veniva altresì rinvenuta anche una motozappa, di cui un altro malcapitato al momento ne lamentava il furto. I ladri l’avevano rubata ed occultata in un terreno limitrofo, verosimilmente con l’intento di prenderla successivamente.

I quattro, inchiodati alle loro responsabilità dalle evidenze della flagranza di reato, sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato.

 

Il rito direttissimo, la multa e il carcere

 

Nella mattinata odierna, all’esito del giudizio celebrato con rito direttissimo, il tribunale di Avellino condannava i quattro ladri ad otto mesi di reclusione ed euro 440 di multa. L’intera refurtiva è stata restituita all’avente diritto.

Sono in corso accertamenti per scoprire eventuali altri colpi messi a segno dalla banda in Irpinia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button