Installava apparecchiature illegali, preso dai Carabinieri

Irregolare in Italia nonostante il decreto di espulsione

Installava apparecchi per impedire le comunicazioni telefoniche e telegrafiche. Scoperto dai Carabinieri dell'Aliquota operativa

SAN MARTINO VALLE CAUDINA. Prosegue l’azione dei Carabinieri della Compagnia di Avellino, costantemente impiegati in servizi di controllo del territorio predisposti dal Comando Provinciale di Avellino, finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

La scoperta dei Carabinieri dell’apparecchiatura illegale

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria un pregiudicato di San Martino Valle Caudina, in regime di detenzione domiciliare, ritenuto responsabile del reato di installazione di apparecchiature atte ad impedire comunicazioni telegrafiche o telefoniche.

Nello specifico, all’esito di perquisizione, i militari rinvenivano nell’abitazione del soggetto un apparecchio elettronico tipo “jammer”, che verosimilmente era stato appena spento.

Cos’è uno “jammer”

Si tratta un “disturbatore di frequenze”, utilizzato per impedire ai sistemi di comunicazione radio di ricevere o trasmettere segnali: quando attivato, inibisce il funzionamento di questi dispositivi rendendoli completamente inefficaci. Le leggi italiane e di molti paesi europei ne consentono l’uso solo alle forze di polizia o esclusivamente per scopi militari.

Il “jammer” è stato sottoposto a sequestro ed il 55enne deferito alla competente Autorità Giudiziaria.

TAG