Cultura ed eventi

Anniversario terremoto, mostra e convegno a Lioni

LIONI. In occasione del 37esimo anniversario del terremoto dell’Irpinia, il Comune di Lioni dedica l’intera mattinata del 23
novembre al ricordo, alla riflessione e alla formulazione di proposte per il futuro del territorio.

L’appuntamento è alle ore 10 presso la stazione ferroviaria per la commemorazione delle vittime, a cura dell’associazione InLoco Motivi. A seguire, dalle ore 10.30, presso la sala consiliare si terranno il convegno e la mostra “Avellino – Rocchetta.
Un treno dal passato al futuro”.

Obiettivo della mattinata è presentare i risultati recentemente raggiunti per la tutela della ferrovia e sviluppare un dibattito sulle prospettive per la sua valorizzazione. «Il terremoto ha segnato la nostra comunità profondamente e la mia generazione in modo particolare. E’ stato un passaggio doloroso, ma anche di grandi opportunità, non sempre sfruttate in maniera adeguata. A 37 anni dal sisma – dichiara il sindaco di Lioni Yuri Gioino – abbiamo voluto affiancare al doveroso e commosso momento della memoria, un tema di stretta attualità quale quello della riapertura della ferrovia Avellino – Lioni – Rocchetta per un confronto ampio sul futuro dell’intera Alta Irpinia e per una riflessione utile a non commettere ancora gli errori del passato».

Dopo i saluti del sindaco Gioino, Pompeo Circiello, vicesindaco Rocchetta Sant’Antonio e Beniamino Palmieri, sindaco Montemarano, sono previsti gli interventi di Pietro Mitrione dell’associazione Inloco Motivi, Milena Pepe, imprenditrice, Mario Losasso ,direttore Dipartimento Architettura Università degli studi di Napoli “Federico II”, Andrea Pane del comitato scientifico mostra, Università degli studi di Napoli “Federico II” .

Le conclusioni saranno affidate al deputato Luigi Famiglietti e alla presidente del Consiglio regionale della Campania Rosetta D’Amelio.

La mattinata sarà arricchita dalla performance teatrale della compagnia Clan H di Salvatore Mazza. La mostra, promossa dalla Soprintendenza Archeologia, Belli Arti e Paesaggio per le province di Salerno e Avellino, vede  il patrocinio di Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane, del Consiglio Regionale della Campania, del ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.
Nella mostra sono stati raccolti i disegni originali dei ponti, dei viadotti e delle gallerie realizzati lungo la linea, insieme ad alcune tesi di laurea e di specializzazione discusse in diversi Atenei italiani, inerenti la conservazione e il riuso della ferrovia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button