Cronaca

20enne si è gettato da un palazzo ad Avellino, esclusa l’ipotesi suicidio

AVELLINO. Migliorano le condizioni del 20enne che si è gettato da un palazzo ad Avellino nella serata di venerdì. Per lui soltanto fratture e contusioni, ma si continua ad indagare sulle motivazioni che l’hanno portato a compiere quel gesto.

20enne si è gettato da un palazzo ad Avellino, gli investigatori hanno escluso l’ipotesi del suicidio

É vivo per miracolo il 20enne che nella serata di venerdì si è gettato da un palazzo di via Roma ad Avellino. A salvarlo è stato il non aver battuto la testa, la caduta infatti ha causato soltanto alcune fratture, al polso e ad una vertebra.

Per lui domani è in programma un intervento chirurgico, ma il suo quadro clinico generale pare essere abbastanza incoraggiante, fortunatamente i primi esami diagnostici hanno escluso lesioni interne .

Mistero sulle cause del gesto

Quello su cui gli investigatori si concentrano rimane la ragione che lo ha spinto a gettarsi dal palazzo.

Secondo quanto si apprende, nell’appartamento al momento del fatto c’erano solo il 20enne e un amico, forse minorenne. Al sopraggiungere, pare, del padre dell’altro ragazzo, il 20enne si sarebbe precipitato alla finestra e si sarebbe buttato di sotto, nel tentativo di fuggire.

Ma da cosa era spaventato?

I testimoni hanno raccontato che il giovane, dopo la caduta, si sarebbe rialzato e avrebbe percorso alcuni metri sulle proprie gambe, per poi accasciarsi in preda al dolore.

Chi lo conosce parla di un giovane tranquillo, con la passione per la musica, impegnato in varie attività sociali, e studente impegnato. Non si capisce cosa possa averlo spaventato a tal punto da farli decidere di buttarsi da una finestra così repentinamente.

Una tragedia sfiorata, ma i dubbi restano tanti.

 

Articoli correlati

Back to top button